AnimaliAnimali selvaticiEcologia

Il ruolo delle iene per l’ambiente, preziose alleate spesso disprezzate

Il ruolo delle iene è spesso sottostimato ma oggi, alla luce di diverse scoperte, sostituire il pregiudizio con la dovuta riconoscenza appare doveroso.

Il ruolo delle iene nell’ecosistema non viene quasi mai considerato. Questi animali sono circondati da un velo di pregiudizio che uno studio pubblicato in Journal of Applied Ecology ha prontamente divelto. Tali mammiferi sono, infatti, risultati grandi alleati di ambiente e natura e ora agire di conseguenza per tutelarli appare la miglior strategia.

ruolo delle iene
Frans Van Heerden @Pexels

Lo studio sulle iene

Il ruolo delle iene all’interno degli ecosistemi è di primaria importanza. Questi animali, essendo saprofagi, vengono spesso guardati con disgusto e, anche nella cultura popolare, sono accostati a orrore e malvagità. Un team della University of Michigan ha cercato di riscattarli. I ricercatori hanno condotto l’analisi nei pressi della città etiopica di Mekelle, che conta 310.000 abitanti, 120.000 capi di bestiame e un sistema inadeguato di smaltimento di questi ultimi. Per stabilire quante iene visitassero ogni notte la città per nutrirsi hanno diffuso suoni pre-registrati di iene in difficoltà e hanno rilevato quante ne accorressero in risposta. In seguito hanno analizzato il loro comportamento alimentare, per valutare quanto e di cosa si nutrissero.

Il ruolo delle iene

Lo studio sul ruolo delle iene ha rivelato dati interessanti. I ricercatori hanno individuato nei dintorni della città 210 esemplari in cerca di cibo per notte. Questi in un anno arrivano a mangiare circa 950 kg di carcasse, costituiti da cavalli, polli, ovini e bovini. Le iene consumano, dunque, 207 milioni di tonnellate di rifiuti, corrispondenti al 4.2 % degli animali smaltiti nella città ogni anno. Ciò permette di evitare infezioni da contatto con carcasse infette. I modelli hanno riscontrato che, con i numeri rilevati, sono state scongiurate 5 infezioni da antrace e tubercolosi bovina tra gli umani e 140 nel bestiame, per un risparmio complessivo di 52.000 $.

Valorizzare le iene

Considerare in modo adeguato il ruolo delle iene è fondamentale. Chinmay Sonawane, autore principale, ha spiegato che i numeri apparentemente insignificanti non devono ingannare. In un contesto di povertà come quello africano, ogni piccolo risparmio è importante. Gli scienziati hanno, poi, cercato di stilare un bilancio. Nel 2011 a Mekelle sono stati registrati 10 attacchi di iene non letali a umani e 33 fatali al bestiame, cause di spese pari a 2.928 $. I risparmi appaiono chiaramente più consistenti, ma promuovere una corretta gestione di territorio e fauna per minimizzare i rischi resta cruciale. Con una popolazione in continuo aumento la capacità di tali animali di garantire un maggiore equilibrio sarà in futuro ancora più apprezzabile.

Riflettere sul ruolo delle iene apre importanti prospettive. L’abitudine a considerarci supremi giudici di ciò che ci circonda dovrebbe, anche grazie allo studio su questi mammiferi, aver subito una nuova significativa scossa. Forse quando ci troveremo davanti a un documentario, o a un classico d’animazione, che ci presenta le iene come sciocche e meschine, potremmo persino avvertire un minimo di empatia.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.