BevandeTè & Caffè

I trucchi per fare un buon caffè con la moka

Conoscete tutti i trucchi per fare un buon caffè con la moka? È il metodo preferito dagli italiani, ma utilizzare questo strumento al meglio è una vera e propria arte.

Esistono diversi trucchi per fare un buon caffè con la moka, alcuni di questi sono molto diffusi, altri invece risultano, per alcuni, addirittura controintuitivi. Dalla scelta della moka alla selezione del caffè, fino alla durata dell’estrazione, ecco a cosa dovete fare attenzione per utilizzare la moka in maniera perfetta.

trucchi caffe moka

1. Trovare la giusta moka

La prima cosa da fare è scegliere la moka migliore per voi. Non tutte le moke sono uguali: ne esistono di diversi materiali, come l’alluminio o l’acciaio – quest’ultimo tra i più diffusi – che possono essere combinati con ceramica o vetro. In linea generale, le moke in alluminio si scaldano molto velocemente e necessitano di molta manutenzione, motivo per cui oggi non sono più molto diffuse. L’acciaio invece è il materiale perfetto, in particolare quando combinato con la ceramica.

2. Scegliere il caffè perfetto

Dopo aver scelto la moka è la volta di scegliere il caffè. Su questo punto gli esperti sono abbastanza concordi: rivolgersi ad una torrefazione è il modo migliore per procedere, comprando i chicchi tostati per poi macinarli a casa. In ogni caso è molto importante avere la giusta finezza nella macinatura finale: la moka dà il meglio di sé quando chicchi non sono macinati troppo finemente, per intenderci la consistenza del caffè impiegato nella macchinetta del bar, ma nemmeno troppo grossolani, come quelli utilizzati nei filtri del «caffè americano».

scegliere caffe perfetto

3. Mettere la quantità giusta di caffè

È importante mettere la quantità giusta di caffè nel filtro della moka per ottenere una bevanda perfetta, ma su questo passaggio vige la regola del gusto personale. La dose canonica vuole il filtro riempito fino all’orlo, senza fare alcuna montagnetta né comprimere il caffè in alcun modo. Si consiglia di usare un dito o un coltello per eliminare l’eccesso, così come si farebbe con la schiuma di una birra. Per chi preferisce un caffè più forte la quantità di macinato può essere maggiore, evitando però di comprimerlo, lasciando che sia la parte superiore della moka a fare il lavoro.

4. Quantità e temperatura dell’acqua

Questo è uno dei punti che crea più dubbi anche tra gli esperti: l’acqua nella «caldaia» della moka va messa fredda o calda? Nonostante in molti siano convinti che per fare un caffè perfetto sia meglio aggiungerla fredda, potrebbe essere vero il contrario. Uno dei problemi più difficili da affrontare, quando si tratta di caffè preparato con la moka, è la temperatura che questo strumento può raggiungere: se è troppo alta il caffè tende a prendere un sapore amaro. Partire con dell’acqua fredda significa che il caffè nel filtro rimarrà più tempo sottoposto al calore del fornello, aumentando il rischio che una temperatura elevata, prolungata più del necessario, dia un caffè meno buono.

quantita temperatura acqua

5. Controllare la durata dell’estrazione

Proseguendo sulla linea del punto precedente, è molto importante stare attenti all’uscita del caffè: nel momento in cui la moka inizia a gorgogliare bisogna spegnere immediatamente la fiamma, in modo che il caffè non venga scaldato eccessivamente. Un altro accorgimento che consigliano gli esperti è di tenere pronto un panno freddo e umido: nel momento in cui il caffè è arrivato a circa due terzi del bicchiere – la parte della moka in cui si raccoglie il caffè estratto – bisogna togliere la moka dal fornello per approggiarla sul panno. Questo bloccherà l’estrazione del caffè, evitando di sviluppare note eccessivamente amare.

6. Pulire la moka dopo ogni utilizzo

In molti sostengono che una moka segnata dall’utilizzo sia una garanzia di caffè migliore, ma questa teoria non è sempre corretta. Una moka eccessivamente sporca può sviluppare sapori poco piacevoli, tra l’amaro e il rancido. In più il caffè può incrostarsi vicino alle guarnizioni della moka, rendendo più lenta e difficoltosa l’estrazione del caffè. Per questi motivi è importante pulire la moka dopo ogni utilizzo, evitando però di utilizzare il sapone, che può lasciare dei sentori spiacevoli nel caffè.

TOPIC caffè
REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.