AnimaliAnimali domestici

I gatti sono intolleranti al lattosio?

I gatti sono intolleranti al lattosio? Per dare una risposta è necessario, a dispetto di quanto si può pensare, fare alcune considerazioni.

Quale immagine più iconica di un gatto che si gode una bella ciotola di latte? Sembra scontato che per «Micio» il latte sia tutt’altro che un problema, ma le cose sono un po’ più complesse di così: i gatti potrebbero essere intolleranti al lattosio.


Gatti e lattosio un rapporto complesso

Prima di tutto bisogna specificare cos’è il lattosio. Niente di più semplice: si tratta di uno zucchero – o meglio di un carboidrato – complesso, composto da due altri zuccheri, ossia glucosio e galattosio. Questo carboidrato è tipico, come dice il suo nome, del latte e dei prodotti caseari (non stagionati). I piccoli di tutti i mammiferi hanno la capacità di scindere questa sostanza grazie a un enzima detto lattasi rendendola digeribile. Tuttavia, dopo lo svezzamento molti piccoli perdono, pian piano, questa capacità, divenendo intolleranti al lattosio.

gatti lattosio

I gatti non sono un’eccezione, quindi perché tendono ad essere così attratti dal latte? Questi animali non possono resistere a tutto ciò che è, o sembra, ricco di proteine e grasso. Una descrizione che si addice perfettamente al latte che, nei casi di esemplari intolleranti, potrebbe causare loro diversi problemi gastrointestinali, anche seri. La migliore cosa da fare per capire se il vostro gatto sia o meno intollerante al lattosio è quella di provare a dargli piccolissime quantità di latte (es. un cucchiaino da tè) e stare molto attenti agli effetti, che potrebbero sopraggiungere anche otto ore dopo.

Ad ogni modo è molto meglio evitare di dare latte vaccino ai cuccioli di gatto, e in ogni caso, è sempre consigliabile ascoltare il parere del veterinario di fiducia.

Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazioni indesiderate.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.