AmbienteEcologia

Giornata mondiale del suolo: i pesticidi minacciano gli organismi vitali nel terreno

Questo 5 dicembre si celebra la giornata mondiale del suolo, ma troppi pesticidi e salinizzazione minacciano il futuro dei nostri terreni.

Il suolo sotto i nostri piedi è in realtà l’habitat di un ricco e complesso ecosistema, fondamentale per la vita sul pianeta. In una manciata di terra si possono trovare diversi miliardi di microrganismi in grado di rendere il suolo vivo e fertile. Il suolo è tra le componenti principali dell’intero ecosistema: fino al 95% del cibo che mangiamo arriva dal terreno. Ogni 5 dicembre dal 2014 si celebra la Giornata Mondiale del Suolo, un momento pensato per ricordarne l’importanza. Ma mai come oggi il suolo è minacciato da consumo intensivo, pesticidi e salinizzazione, che rischiano di comprometterlo trasformandolo in un deserto.

Giornata mondiale del suolo
Foto: pexels @Pixabay

Giornata mondiale del suolo 2021: il rischio di pesticidi e salinizzazione

Come altri eventi simili, anche la Giornata Mondiale del Suolo ricorre annualmente come momento per focalizzare l’attenzione sull’importanza di un particolare argomento. In questo caso, la salute del terreno e una gestione sostenibile delle risorse a esso legate. La giornata internazionale è stata raccomandata dall’Unione Internazionale delle Scienze del Suolo (IUSS) nel 2002; ma solo nel 2014 è diventata un evento ufficiale grazie alla FAO e alle Nazioni Unite. Per il 2021 il tema della a Giornata mondiale del Suolo (#WorldSoilDay) è “Arresta la salinizzazione, aumenta la produttività del suolo”. Proprio la salinizzazione e l’uso intensivo di pesticidi stanno infatti mettendo a rischio la salute del terreno.

Il problema dei pesticidi

Durante il loro utilizzo contro gli insetti, non tutti i pesticidi finiscono solo sulle piante. Una grande quantità finisce anche nel suolo, dal 50% fino al 100% dei pesticidi utilizzati finisce per entrare nel terreno. Studiati principalmente per insetti di grandi dimensioni, gli effetti dei pesticidi sulla miriade di microrganismi che abitano il terreno non sono a oggi conosciuti nel dettaglio. Secondo le più recenti ricerche, i pesticidi sono responsabili della morte di diversi microrganismi e starebbero contribuendo in modo massiccio al degrado della qualità del suolo.

Il problema della salinizzazione

Ma i pesticidi non sarebbero l’unico problema. Giornata Mondiale del Suolo 2021 si concentra soprattutto sul problema della salinizzazione. Salinizzazione e sodificazione sono riconosciuti tra i principali processi di degrado del terreno che minacciano l’ecosistema. I sali sono presenti naturalmente nel terreno e anche terreni salini possono rappresentare un fiorente habitat per molti organismi. Processi come siccità e attività umana come agricoltura intensiva o deforestazione possono portare a un aumento della quantità di sali presenti. Un terreno troppo salato finisce per distruggere l’equilibrio del suolo portando a minore fertilità, desertificazione e fenomeni erosivi.

Non solo: i terreni troppo salati hanno una ridotta potenzialità di filtraggio contro gli agenti inquinanti e una minore capacità di trattenere i micronutrienti necessari a sostenere la vita. Secondo la FAO il problema coinvolge almeno 833 milioni di ettari di terreno al mondo. Questo valore potrebbe cresce in modo significativo nei prossimi anni senza un intervento diretto di prevenzione.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.