ItinerariLuoghi del gusto

Fuorisalone 2017, tra cibo e design

Cosa succede quando questi due argomenti si incontrano per i quartieri di Milano? Potrebbe capitarvi di incontrare le leccornie di chef giapponesi o prendere dello street food da una barca., tanto per cominciare.

In concomitanza con il Salone del Mobile di Milano la città si riempie di attività, un’intera costellazione di eventi che ne animano le strade, tutti riuniti sotto l’etichetta del Fuorisalone 2017. Coprotagonista indiscusso di queste giornate è sicuramente il cibo, che dopo il design diventa uno degli argomenti più polarizzanti del capoluogo lombardo. Vediamo quali sono gli appuntamenti gastronomici davvero imperdibili.

All’ombra del bosco verticale

Prende vita, in uno dei quartieri più interessanti e ‘nuovi’ di MIlano, l’Isola Design District, alla sua primissima edizione, con oltre cento ospiti tra designer, artigiani locali e grandi marchi. Assieme al design però si sviluppa anche un interessantissimo percorso gastronomico, con locali che meritano sicuramente un’occhiata, come Capra e Cavoli, un ristorante dalla location veramente suggestiva, con un menù originale studiato per venire incontro ai gusti e sensibilità vegetariani. Il locale diventa sua volta teatro per un progetto, Tatuare gli spazi di Tideo, impegnato in soluzioni di design originali ed esclusive per valorizzare e personalizzare superfici.

Merita un’occhiata, il gioco di parole non è voluto, anche Anche ristorante, che con dei prezzi più contenuti offre un menù decisamente originale, che spazia dai crostoni di pane con stracciatella e alici allo stracotto, passando per la parmigiana. Altro trait d’union tra design e il mondo del cibo lo offre Kensaku Oshiro, nota firma del mondo del design, che nel nuovo studio di via della Pergola presenterà una nuova sedia progettata per il suo connazionale Keisuke Matsushima e l’omonimo ristorante a Nizza.

Ristorante Capra e Cavoli

Un’imbarcazione per unire cibo e design

Nel distretto di Ventura Centrale, più precisamente negli ex Magazzini Raccordati, pochi metri sotto i binari della stazione centrale di Milano, c’è un’altra chicca decisamente originale nel panorama gastronomico della città. Dopo il successo sempre più plateale dello street food serviva qualcuno che osasse rivoluzionare il concetto varcandone i limiti: ecco che entra in scena Sea Food Mobile, non un food truck ma una kitchen boat, una imbarcazione/cucina dedicata esclusivamente a deliziosi panini di pesce.

L’idea alla base di questa imbarcazione, ‘ormeggiata’ sotto le volte degli ex magazzini, sta nel riutilizzo delle scialuppe di salvataggio delle grandi imbarcazioni, le ‘free fall’, completamente ridisegnate dall’architetto Andrea Carletti. Il menù è ancora una volta abbastanza variegato, dal classico burro e acciughe allo sgombro affumicato, dalla tartare di tonno rosso del Mediterraneo alle tapas di mare, a cui si aggiungono un panino al Tonno del Chianti, senza dimenticare l’alternativa vegana con Farinata e Hummus.

Sea Food Mobile

Cibo di strada gourmet al Ventura Garden di Lambrate

Su ispirazione dei mercati metropolitani di tutto il mondo nasce la nuova edizione di Street Food Experience, un altro luogo di incontro, forse il più importante, tra cucina e design. Più di quindici food truck d’autore, con leccornie che spaziano tra pizza napoletana e kebab vegetariano, senza perdere l’occhio attento per i grandi nomi, soprattutto per gli chef, tanto che troviamo Eugenio Roncoroni, Takeshi Iwai, Cesare Battisti, Dario Cecchini e Riccardo Gaspari, per citarne alcuni.
Ogni giorno sono organizzati tre eventi principali.
Food&Design, ovvero, a pranzo con il designer, dove ricette di street food italiano vengono proposte e reinterpretate da affermati designer; Street&Foodtech, si potranno trovare le start up più interessanti del settore food, per finire con Mixology,Design&Music dove cocktail e dj-set si possono fondere alla perfezione.

Fonti: Gambero Rosso – Business – Salone del Mobile – Flawlessmilano – ddarcart

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari riguardo il complicato mondo dell’alimentazione.