AmbienteAttualità

Foreste di mangrovie: una grande risorsa anche per l’uomo

Le foreste di mangrovie, habitat unici, sono in costante pericolo. Salvarle è indispensabile, ma, purtroppo, il loro valore viene spesso sottovalutato.

Le foreste di mangrovie sono ecosistemi incredibilmente ricchi e occupano varie zone costiere del pianeta. Per l’uomo rappresentano una risorsa incredibile, ma, troppo spesso, l’umanità sembra non rendersene conto. Il contributo di questi vegetali potrebbe rivelarsi fondamentale anche per la lotta al riscaldamento globale e un recente report ha fornito indicazioni per progetti concreti.

Foresta di mangrovie

LEGGI ANCHE: I gamberetti biologici salvano le foreste di mangrovie

Le foreste di mangrovie:

Le foreste di mangrovie rappresentano uno dei più importanti ecosistemi del pianeta e occupano aree costiere delle zone tropicali e subtropicali. Le mangrovie comprendono piante eterogenee la cui altezza varia dai 2 ai 10 m. Sono definite piante alofite poiché vivono semi immerse nell’acqua salmastra, anche se la salinità tollerata varia a seconda della specie. Le radici fungono da filtro e dei piccoli organuli sulle foglie permettono alla pianta di espellere il sale in eccesso. Le mangrovie non sono in grado di sopportare temperature inferiori ai 20° C. Grazie alle loro fitte radici costituiscono degli agglomerati vegetali intricatissimi, pressoché impenetrabili.


Una grande risorsa:

Secondo un report di Earth Security le foreste di mangrovie sono fondamentali per la sopravvivenza del pianeta e per la lotta al riscaldamento globale. Viene infatti riportato che sono in grado di immagazzinare CO2 a una velocità del 400% maggiore rispetto alle foreste terrestri. Le mangrovie offrono anche protezione da erosione, tempeste e inondazioni con costi molto inferiori rispetto alla costruzione di barriere. Nel 2017 durante l’uragano Irma, in Florida, per esempio, hanno protetto mezzo milione di persone e evitato 1.5 miliardi di dollari di danni. Risultano anche vitali per biodiversità ed economie locali. Rendono infatti possibile la sopravvivenza di varie specie di pesci, poi pescati e commercializzati.

Progetti concreti:

Per Earth Security le mangrovie sono una pedina fondamentale per il raggiungimento dell’obiettivo “zero emissioni”. Rigenerando 700.000 ettari di foreste, entro il 2040 sarebbe possibile liberarsi di 380 milioni di tonnellate di CO2, per un ritorno di 11.8 miliardi di dollari. Le foreste di mangrovie, però sono a rischio a causa delle attività umane. Earth Security ha dunque suggerito la costituzione di Mangroves 40 Cities Network per interventi razionali e condivisi. È stato poi raccomandato che la valorizzazione delle mangrovie avvenga anche attraverso incentivi. Lo sviluppo del primo Municipal Bond Fund per finanziare l’adozione di metodi basati sulla natura per il contrasto del cambiamento climatico ne è un esempio.

La protezione delle mangrovie è una priorità ed è necessario un equilibrio economico e concettuale perché tutte le parti coinvolte possano contribuire. Le emissioni che stanno avvelenando il pianeta sono una nostra responsabilità e contrastarle lo è altrettanto. La natura ci sta fornendo tutti i mezzi. In gioco c’è la sopravvivenza del pianeta ed è quindi nostro compito capire come sfruttarli.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.