AmbienteAnimali

Ecosistemi e insetti: gli incendi alterano il loro rapporto

Un nuovo studio americano ha svelato che gli incendi sono in grado di cambiare la relazione tra ecosistemi e insetti in modi davvero inaspettati.

Un team di ricercatori provenienti da diverse università statunitensi ha analizzato l’impatto degli incendi sul rapporto tra ecosistemi e insetti. Gli studiosi si sono spinti su un sentiero pressoché inesplorato, attraverso vari metodi di analisi. I risultati ottenuti sono sorprendenti e potrebbero dare nuova linfa ai progetti per la salvaguardia degli insetti.

Ecosistemi e insetti

Lo studio:

Nel 2020 gli incendi negli USA sono stati impietosi. Il fuoco ha devastato più di 52600 Km2 di territorio, insieme a 14000 edifici, causando spese per 3 miliardi di dollari. In questo contesto alcuni ricercatori hanno deciso di analizzare l’impatto di queste catastrofi sul delicato equilibrio tra ecosistemi e insetti. Jonathan Myers, coautore dello studio dalla Washington University ha infatti affermato che si tratta di un campo ancora poco approfonditoGli effetti degli incendi su piante e animali sono stati studiati, ha continuato, per lo più separatamente. Lo studio è stato condotto nel nord delle Rocky Mountains ed è stato pubblicato sul Journal of Ecology a fine novembre.

I risultati:

Lo studio sull’impatto degli incendi su ecosistemi e insetti ha richiesto un intenso lavoro sul campo. Sono stati analizzati 152 territori in Montana, alcuni colpiti da incendi ad alta severità o a severità mista, altri rimasti intatti. Sorprendentemente le piante da fiore e gli insetti, come api, mosche e farfalle, erano più numerosi nelle zone bruciate. I numeri delle zone colpite da incendi a severità mista superavano quellI dei territori sani di 10 volte. Gli incendi a severità alta possono eliminare interi paesaggi e distruggere le zone di nidificazione. Gli incendi a severità mista, invece, salvano mosaici di habitat e rendono le relazioni tra ecosistemi e insetti impollinatori ancora più intense.

Prospettive future:

Le scoperte sui legami tra fuoco, ecosistemi e insetti offrono nuove risorse. Grazie a questo studio la comprensione delle dinamiche riguardanti gli insetti impollinatori è notevolmente migliorata. Laura Burkle della Montana State University, fra le co-autrici, ha affermato che ora è più facile capire dove e su che specie concentrare gli sforziJoseph La Manna, leader dello studio, ha poi sottolineato che è stata gettata nuova luce sui fenomeni di “coestinzione”. Si tratta di un circolo vizioso. Quando una pianta scompare da un territorio, lo fanno anche gli insetti impollinatori connessi e poi un’altra serie di piante a questi legate. Riuscire ad orientare gli sforzi governativi perché la biodiversità venga tutelata è fondamentale.

Il legame tra ecosistemi e insetti impollinatori è fondamentale, ma gli insetti sono in continuo declino. Il cambiamento climatico sta rendendo gli incendi sempre più minacciosi e le attività umane interferiscono con la natura in modo drammatico. Solo gli insetti impollinatori possono aiutare il pianeta a rispondere a queste emergenze. Comprendere come tutelarli è un dovere. Agire è ormai un’incombenza.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.