AmbienteEcologiaEconomia

Eco-sostenibilità: un’opportunità di crescita per le imprese

Sono sempre di più le imprese in Italia sensibili all’ambiente. E non mancano nemmeno quelle zelanti come ConsulGroup, che ha fatto dell’eco-sostenibilità un nuovo modello di sviluppo.


L’eco-sostenibilità per le imprese è certamente una sfida per il futuro, ma non solo. Ad oggi questa tematica può essere largamente considerata come un’opportunità concreta per il presente, oltre che una buona pratica secondo gli assunti ecologisti. Nel quadro di uno sviluppo sostenibile, l’adozione di misure atte a ridurre l’impatto ambientale della propria impresa si palesa sempre di più come un driver economico di crescita. Un investimento per ammortizzare l’impatto e ridurre le emissioni di CO2 può portare infatti benefici non solo all’ambiente, ma anche all’impresa stessa. Raggiungere una maggiore efficienza energetica, nella maggior parte dei casi, significa poter beneficiare nel medio-lungo periodo di una riduzione dei costi, che si traduce in una maggior competitività sul mercato. Vediamo assieme qual è la situazione delle imprese in termini di eco-sostenibilità in Italia.

Eco-sostenibilità: un’opportunità di crescita per le imprese

In Italia crescono le imprese che scelgono l’eco-sostenibilità

Stando ai dati diramati nel novembre scorso da GreenItaly 2017, rapporto di Fondazione Symbola e Unioncamere, sono ben 355mila le aziende dell’industria e dei servizi in Italia che dal 2011 hanno investito in tecnologie green. Il 27,1% del totale. Considerata la sola industria manifatturiera questo dato sale al 33,8%. Dati incoraggianti, che lo stesso rapporto incrocia con un Made in Italy sempre più competitivo, in netta crescita nelle esportazioni, nell’occupazione e nel fatturato, proprio in luce a questo orientamento green.

In Italia crescono le imprese che scelgono l’eco-sostenibilità

E non mancano le aziende – per così dire – zelanti che con la parola «eco-sostenibilità» hanno molta confidenza; a tal punto da orientare il proprio piano di sviluppo in modo da renderlo eco-compatibile. È il caso di ConsulGroup, società bresciana di servizi attiva nei settori della sicurezza sui luoghi di lavoro, della formazione e della Privacy. Questa azienda fin dall’anno della sua fondazione, nel 2003, ha sempre creduto nell’eco-sostenibilità, fino a farla diventare parte integrante del proprio modello di business.

ConsulGroup, parola chiave: eco-sostenibilità fin dalle piccole cose

Vogliamo prendere proprio ConsulGroup come esempio di quell’impresa italiana attenta e coscienziosa nei confronti dell’ambiente. Quest’azienda ha infatti adottato un innovativo progetto di eco-sostenibilità. Ogni anno, una quota significativa degli investimenti effettuati da ConsulGroup viene collegata ai regimi per migliorare l’efficienza energetica ridurre le emissioni di anidride carbonica (CO2) e il particolato nell’aria.

ConsulGroup ha voluto fare una scommessa sull’eco-sostenibilità. Recentemente ha acquistato un veicolo totalmente elettrico, con il quale i dipendenti possono usufruire di un innovativo servizio di car sharing aziendale a zero emissioni. Dal 2018 sono inoltre attive due colonnine di ricarica per auto elettriche, una interna e una esterna all’Azienda, a disposizione dello staff e dei clienti. Ha adottato un impianto fotovoltaico ad alto rendimento (con batteria di accumulo) ed installato illuminazione a LED a basso consumo per i suoi uffici.

In ConsulGroup l’eco-sostenibilità si vede fin dalle piccole cose. In azienda si utilizza solo carta riciclata al 100%. Con questa semplice scelta si riescono a salvare in media circa 5 alberi all’anno. Lo stesso sito internet aziendale ha aderito a Zero Impact Web, progetto che compensa le emissioni derivanti dalle visite attraverso la creazione e tutela di foreste in crescita in Costa Rica.

Come spesso accade, tutto nasce da persone lungimiranti; nello specifico da Giorgio Costa, imprenditore e titolare di ConsulGroup, nonché vice-presidente al Marketing del Gruppo Giovani Imprenditori dell’AIB e membro del G20 Young Entrepreneurs’ Alliance. La sua visione d’impresa è fortemente legata all’ eco-sostenibilità, che come lui stesso sottolinea «è un impegno che guarda al futuro, un approccio strategico a lungo termine; il nostro modello di business vuole trovare un punto di equilibrio tra opportunità commerciali e responsabilità sociali, economiche e ambientali». L’obiettivo di ConsulGroup? Impatto Zero!

inNaturale.com per

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.