AnimaliAnimali domestici

Ecco perché il tuo cane capisce i comandi meglio di un lupo

Il cane capisce i comandi meglio di un lupo ed è una abilità innata sviluppata ancora prima dell’addestramento.

Anche chi ha un cucciolo lo fa costantemente: si alza un braccio si indica un oggetto e con voce ferma si dice “vai!”. Le possibilità che il nostro cane ci ascolti sono elevate anche se si tratta di un piccolo cucciolo. Questo perché il cane capisce i comandi che arrivano dall’uomo in modo, il più delle volte, innato. Ma non è sempre stato così; anzi, si tratta di un’abilità sviluppata in oltre 14.000 anni di selezione.

cane capisce comandi

Come il cane capisce i comandi dell’uomo

La capacità di comprendere i gesti e le espressioni umane può sembrare a prima vista poco importante. In realtà si tratta di un’abilità cognitiva complessa e rarissima nel mondo animale. Anche i nostri più diretti discendenti, gli scimpanzé ad esempio, non la possiedono. In una recente ricerca pubblicata sulla rivista Current Biology, alcuni ricercatori americani della Duke University hanno mostrato come questa abilità non è innata nel genere canis, ma è frutto di millenni di stretto contatto tra uomo e cane.

In uno studio hanno messo a confronto 44 cuccioli di cane e 37 cuccioli di lupo tra le 5 e le 18 settimane. Il lupo è ovviamente l’antenato “selvaggio” del cane, e ancora mantiene caratteristiche fisiche e psicologiche di un animale preistorico. Per l’esperimento, i cuccioli di lupo sono stati allevati con un intenso contatto umano. Al contrario, i cuccioli di cane sono stati cresciuti col minimo contatto umano possibile, vivendo coi loro compagni di cucciolata la maggior parte del tempo.

Il test sull’abilità dei cani di comprenderci

In un test i ricercatori hanno nascosto un bocconcino in una ciotola e hanno quindi dato a ciascun cucciolo, cane o lupo, un indizio per aiutarli a trovare il cibo. In alcune prove, i ricercatori hanno indicato e guardato nella direzione in cui il cibo era nascosto. In altri, hanno posizionato un piccolo blocco di legno accanto alla ciotola per mostrare loro dove era nascosto il premio. I risultati su come il cane capisce i comandi sono stati sorprendenti. Anche senza un addestramento specifico, i cuccioli di cane di appena otto settimane capivano spesso dove andare. Tale è stata la differenza che i cuccioli di cane allevati lontano dagli uomini avevano il doppio delle probabilità di trovare il premio rispetto ai cuccioli di lupo allevati con stretto contatto umano.

Risultati sorprendenti

Ben 17 su 31 cuccioli di cane sono andati costantemente alla ciotola giusta. Al contrario, nessuno dei 26 cuccioli di lupo ha fatto meglio di un risultato casuale. La cosa che sorprende tuttavia è come molti dei cuccioli di cane ce l’abbiano fatta alla loro prima prova senza alcun addestramento necessario. Questo mostra come il fatto che il cane capisce i comandi sia una proprietà innata. Non si tratta di “intelligenza” spiegano i ricercatori, i lupi non sono più “stupidi” dei cani. Si tratta semplicemente di una abilità che si è evoluta dopo millenni di stretto contatto tra le due specie.

Come il cane capisce i comandi: l’ipotesi dell’addomesticamento

Secondo Brian Hare che ha lavorato alla ricerca, i risultati offrirebbero una prova evidente della “ipotesi dell’addomesticamento”. In particolare, spiega, come ad un certo punto nel rapporto tra lupo e uomo solo i lupi più amichevoli sarebbero stati “selezionati” per la riproduzione in modo più o meno volontario. Generazione dopo generazione i lupi addomesticati sarebbero diventati in grado di percepire le intenzioni dei lori padroni. Per questo motivo il cane capisce i comandi dell’uomo in modo innato, si tratterebbe di una qualità sociale selezionata nel corso di millenni.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.