AttualitàProdotti per la cucina

Ecco il nuovo coltello in legno che taglia come l’acciaio

Un coltello in legno in grado di tagliare come uno in metallo, potrebbe sostituire una volta per tutte le posate di plastica, e non solo.

Leggero, naturale, resistente e, soprattutto, rinnovabile. Troppo bello per essere vero? Apparentemente no. Il nuovo coltello in legno che arriva dagli scienziati dell’Università del Maryland negli Stati Uniti pare avere tutte le caratteristiche adatta per diventare la vera alternativa alle posate e plastica, e non solo. Un legno tanto duro da rivaleggiare con l’acciaio potrebbe diventare un materiale perfetto per moltissime altre applicazioni oggi riservate a materiali artificiali. Ma come è possibile arrivare da un legno di questo tipo? Sarebbe tutto merito della cellulosa.

coltello in legno
Foto: Al Santos - Cell Press - University of Maryland

Un coltello di legno duro come l’acciaio

Il legno è uno dei materiali da costruzione più antichi mai utilizzati dall’uomo. Facile da reperire e da lavorare, il legno ha accompagnato la storia della nostra civiltà sin dalla notte dei tempi. Eppure il suo può grande vantaggio, la facilità di lavorazione, lo rende un materiale facilmente deperibile e spesso non adatto a tipi di lavori e costruzioni che richiedono più resistenza. Un coltello in legno tradizionale può venire utilizzato per alcune volte prima di diventare inutilizzabile.

Eppure il legno può venire lavorato per diventare estremamente duro e resistente, tanto da rendere possibile un coltello in legno duro come l’acciaio. Secondo Teng Li, autore dello studio che ha portato alla creazione dell’utensile, il coltello taglierebbe “facilmente una bistecca ben cotta, con prestazioni simili a un coltello da tavola”.

Merito della cellulosa

Come materiale, il legno trae gran parte della sua resistenza dalla cellulosa, una sostanza naturale che costituisce le fibre della pianta. La cellulosa è un materiale straordinario che sta attirando sempre più l’attenzione dei ricercatori proprio per le sue potenzialità e applicazioni. La sua densità infatti è superiore a quasi tutti i metalli e leghe oltre che ceramiche e materiali plastici. Tuttavia il legno contiene fino al massimo il 50% di cellulosa. Per realizzare il loro coltello in legno in grado di rivaleggiare con l’acciaio, i ricercatori americani hanno dovuto ideare un processo in grado di rimuovere le componenti meno desiderabili come emicellulosa e lignina.

Un processo in due fasi

In una prima fase il legno viene lavorato in modo da rimuovere le componenti più fragili senza tuttavia intaccare la struttura di cellulosa. Dopodiché il materiale restante viene pressato a caldo in modo da renderlo più denso e rimuovere l’acqua ancora presente. Il materiale ottenuto viene quindi lavorato e modellato nella forma desiderata, per formare non solo un coltello in legno, ma anche chiodi o altri prodotti sia per la tavola che l’edilizia.

Il coltello in legno amico dell’ambiente?

In realtà è ancora presto per dire se si tratta di un sostituto ideale alla plastica o meno. Il coltello in legno può essere affilato e riutilizzato molte volte, e può addirittura essere lavato in lavastoviglie senza perdere il filo. Tuttavia per la sua produzione sono necessari un bagno in sostanze chimiche e un rivestimento in olio minerale per prolungare la durata dell’affilatura. Si tratta certamente di un materiale rinnovabile e molto più efficiente dal punto di vista energetico di molti altri materiali, acciaio incluso. In quanto all’impatto ambientale dello smaltimento tuttavia sono necessarie analisi più approfondite.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.