AttualitàLifestyle

Domanda di biologico in crescita: USA, Europa e Asia a confronto

La domanda di biologico continua a crescere e sembra che, ai due poli storici del consumo, USA e Europa, si stia aggiungendo anche l’Asia.

Mentre la domanda di biologico continua a crescere si stima che il settore possa arrivare a valere oltre 320 miliardi di dollari per il 2024. I due fulcri del bio, attualmente, sono gli Stati Uniti, che da soli assorbono il 40% del mercato, e l’Europa, che fa poco più di un 30%. Le cose però stanno cambiando e nei prossimi anni l’Asia potrebbe ritagliarsi un posto di spicco nel settore del biologico, sia dal punto di vista produttivo che quello consumistico.

domanda biologico crescita

Una nuova mappa per il biologico

Gli equilibri tra produzione e consumo di prodotti biologici potrebbero presto cambiare, anche in modo radicale. Ad entrare in gioco infatti è il gigante asiatico, la Cina, la cui popolazione diventa sempre più interessata agli alimenti certificati bio. Attualmente il paese importa moltissimi prodotti biologici processati dall’estero, ma in futuro è molto probabile che la produzione si sposti direttamente all’interno dei suoi confini.

In questo momento, infatti, la domanda di biologico è soddisfatta principalmente da paesi vicino alla Cina, come Australia, Nuova Zelanda, Giappone, Hong Kong e la Corea. C’è un altro mercato, nella stessa area geografica, che deve ancora farsi sentire nel settore: si tratta dell’India, il secondo paese più popoloso al mondo dopo il gigante asiatico. Se entrambi queste nazioni dovessero cominciare a produrre e consumare biologico con lo stesso ritmo dell’Occidente, le cose potrebbero cambiare molto velocemente.

La situazione potrebbe diventare di anno in anno più simile a quella di altri paesi del mondo, come gli Stati Uniti, dove un pubblico sempre più ampio vuole consumare cibo più sano e naturale, prodotto rispettando l’ambiente. L’Europa dal canto suo vive in un stato simile da anni ed è forse la regione dove il concetto di bio è radicato da più tempo, tanto che la sua produzione interna di biologico rimane molto forte. Tra non molto, la Cina potrebbe trovarsi in una situazione simile.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.