AttualitàLifestyle

Differenza tra vegetariani e vegani

La differenza tra vegetariani e vegani a molti non è chiara, nonostante negli ultimi anni il loro numero sia aumentato. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

Al giorno d’oggi davvero non si può non conoscere la differenza tra vegetariani e vegani. Se ne parla tanto, forse troppo, quasi che seguire l’una o l’altra dieta renda le persone migliori o peggiori. In realtà, come sempre, si tratta unicamente di scelte. Ciò che accomuna vegetariani e vegani, rispettivamente il 7,3% e l’1% della popolazione italiana (Dati Eurispes 2019) è unicamente il fatto che entrambi hanno scelto di eliminare dalla propria dieta ogni tipo di carne animale, che sia di terra, d’aria o d’acqua.

differenza vegetariani vegani

Qui le similitudini finiscono e iniziano due correnti di pensiero che per quanto simili spesso si trovano in contrasto. Tra onnivoro, vegetariano e vegano c’è poi tutta una serie di sfumature che di tanto in tanto sfocia in neologismi come pescetariani, flexitariani e simili che non fanno anche che creare ulteriore confusione.

Cosa vuol dire essere vegetariani?

Seguire una dieta vegetariana, come detto, implica eliminare dalla propria dieta qualsiasi alimento animale. Niente carne (di mucca, di maiale, di pollo, di tacchino) quindi, e niente pesce (compresi i crostacei e i molluschi). Il termine vegetariano però è piuttosto vago perché indica una categoria di persone che sarebbe più opportuno definire latto-ovo-vegetariane in modo da differenziarle dagli ovo-vegetariani e dai latto-vegetariani. Nomenclature complicate che si riferiscono a coloro che hanno deciso di escludere dalla propria dieta rispettivamente latticini e uova. Le motivazioni dietro una scelta vegetariana possono essere etiche (vale a dire dettate dall’amore nei confronti degli animali) o salutistiche. Nel primo caso la dieta vegetariana è solo una fase di passaggio verso quella vegana, una tappa intermedia verso un livello di consapevolezza superiore.

cosa vuol dire vegetariani vegani

Cosa vuol dire essere vegani?

Quando si parla di veganesimo la questione si complica. Partiamo dicendo che coloro che seguono una dieta vegana hanno deciso di escludere dalla propria alimentazione – e dalla propria vita – oltre a carne e pesce, anche tutti i derivati animali. Cosa non mangia un vegano? Non mangia latte e derivati (come i formaggi), non mangia le uova, e nemmeno il miele e tutti quegli alimenti che in un modo o nell’altro hanno causato sofferenza a un essere vivente. È chiaro quindi che il veganesimo più che una dieta è uno stile di vita, improntato su un amore incondizionato nei confronti degli esseri viventi, dal più piccolo al più grande.

Lo abbiamo definito stile di vita perché essere vegani spesso significa mutare gran parte delle proprie abitudini quotidiane, dall’abbigliamento (niente cuoio, lana, seta o pellicce) al tempo libero (niente sport come la caccia o l’ippica né spettacoli che prevedano animali come il circo o la corrida) passando per la cosmesi (scegliendo prodotti non testati sugli animali). Visti come troppo integralisti, i vegani sono talvolta al centro di polemiche. In realtà si tratta spesso di persone molto empatiche che però faticano a trasmettere ai loro simili le motivazioni delle loro scelte anche se di questo sarebbe bello però che non ce ne fosse mai bisogno. Ogni individuo infatti dovrebbe sentirsi libero di essere sé stesso, ciascuno in base alla propria sensibilità.

blank

Dopo una Laurea in Ingegneria mi sono allontanata dai numeri e avvicinata a nuove forme di espressione, come la fotografia e la scrittura. Il mio blog, Il Cucchiaio Verde, racchiude entrambe le passioni e ha come filo conduttore uno stile di vita vegetariano.