CulturaLifestyle

Cosa significa smombie, neologismo nel dizionario Treccani

Camminare per strada senza alzare mai lo sguardo dal telefono: ecco cosa significa smombie e perché Treccani lo inserisce nel dizionario.

Cosa significa smombie? La definizione che ne dà il dizionario Treccani è inequivocabile. È uno smombie chi cammina per strada senza alzare lo sguardo dallo smartphone, rischiando di inciampare, scontrarsi con altre persone, attraversare la strada in modo pericoloso”.

Un neologismo simpatico di primo acchito, quello che unisce le parole zombie e smartphone, ma che fa luce su un fenomeno sociale capillare, divenuto problema di ordine pubblico reale e urgente. La distrazione dipendente dall’utilizzo del telefono in strada, infatti, ha fatto impennare il numero degli incidenti fra i pedoni in tutto il mondo e rispetto al fenomeno molte città hanno preso e stanno prendendo provvedimenti.

cosa significa smombie
FOTO: Cottombro [email protected]

Cosa significa Smombie

Lo smombie, o zombie dello smartphone, per intenderci, è una specie di morto vivente contemporaneo che, munito di telefono, cammina per strada distratto, quando non completamente assente, perché concentrato a guardare il proprio display. Una persona potenzialmente pericolosa, insomma, per se stessa e per gli altri. E in effetti, secondo quanto riportato da Wired.it, “circa 270mila pedoni muoiono ogni anno sulle strade del mondo. Gli esperti affermano che la “distrazione” è un fattore compreso tra il 12% e il 45% dei decessi”.

La tecnologia anti-smombie

Il fattore di rischio intrinseco nella definizione di smombie, quindi, non è solo potenziale ma realissimo. Ha spiegato Bernard Carlon, direttore del Centro per la sicurezza stradale australiano: “Abbiamo studi che indicano che le persone che usano i telefoni cellulari con le cuffie accese e ascoltano musica hanno quattro volte più probabilità di fare qualcosa di rischioso quando si attraversa la strada”.

Rispetto al fenomeno, quindi, molte città stanno prendendo provvedimenti. A Sydney, Singapore, Amsterdam, Tel Aviv, Honk Kong sono stati installati semafori ad altezza uomo, nuove segnaletiche luminose e indicazioni brillanti per aiutare gli smombie a muoversi meglio. La Scozia ha avviato campagne di sensibilizzazione con segnali stradali dedicati. A Seoul delle luci LED illuminano i marciapiedi per destare l’attenzione di chi guarda in basso.

I risultati di questi provvedimenti sembrerebbero incoraggianti. Il numero dei pedoni uccisi sulle strade di Hong Kong è diminuito negli ultimi tre anni e i segnali anti-smombie funzionano nel prevenire anche incidenti minori come scontri con lampioni e pali, inciampi e urti.

Smombie nel dizionario Treccani

Il rischio della dipendenza da smartphone non è questione nuova. E dello stesso termine smombie abbiamo tracce già nel 2008 in Germania. Questa poi è stata votata Parola dell’anno per il linguaggio giovanile nel 2015 sempre in Germania ed è stata inserita nel dizionario tedesco Langenscheidt. Ma il neologismo non ha avuto particolare successo di pubblico.

Ora smombie è stato registrato ufficialmente come neologismo anche nel vocabolario online della lingua italiana Treccani. Se la parola avrà più successo resta da vedere, ma certamente questa scelta mette in chiaro l’attualità di un fenomeno ancora da gestire.

blank
Giornalista pubblicista, in continua formazione per attitudine, mi piace scrivere di tematiche ambientali, sostenibilità e innovazione. Attenta al presente, curiosa per il futuro, sono un’ottimista, convinta che l’unica cosa che ci renda migliori sia la volontà di migliorarsi.