AmbienteEcologia

Il compost è il segreto dell’orto biologico, e si può fare in casa

Usare il compost nell’orto biologico è un sistema perfetto per garantire un’ottima qualità del terreno, piante più sane e, alla fine del duro lavoro, un raccolto più abbondante.

Con il compost l’orto biologico cresce più forte e rigoglioso: questo prodotto ha origine completamente naturale e si ottiene dagli scarti vegetali che spesso e volentieri è lo stesso orto a produrre. Questo fa del compost un composto sano per l’ambiente e le piante, anche quelle che non sono direttamente coltivate, proteggendo e incentivando la biodiversità nel terreno.

compost orto biologico

I vantaggi del compost per l’orto biologico

Sono diversi gli studi condotti sull’impiego di compost nell’orto biologico e molti sottolineano il vantaggio di impiegare un composto di origine vegetale: in uno di questi intitolati «Compost Use in Organic Farming» i ricercatori Eva Erhart e Wilfried Hartl hanno raccolto diversi dati interessanti. È stato scoperto che molte piante hanno reagito positivamente alla presenza di compost nel terreno, che tra l’altro mostrava una concentrazione maggiore di carbonio disponibile per le piante.

La loro azione però, quando prolungata nel tempo, è ancora più intensa: l’aggiunta regolare di compost nell’orto biologico aumenta la biomassa presente nella terra, intensifica la biodiversità e accelera l’azione degli enzimi che scompongono molecole complesse. In questo modo i sali minerali diventano più disponibili per le piante, che risultano più sane e forti, in grado di resistere meglio a insetti e malattie.

Come usare il compost nell’orto biologico

Il compost si impiega nell’orto biologico solitamente nei mesi autunnali e invernali, in modo che il terreno possa riposare ed essere pronto per la primavera, tra fine marzo e inizio aprile. Produrlo in casa è relativamente semplice, basta raccogliere gli scarti vegetali, sia della cucina che dell’orto dell’anno precedente, e lasciarli fermentare. I batteri e i lieviti naturalmente presenti nell’aria faranno il loro lavoro, basta ricordarsi di fare a pezzi molto piccoli gli scarti. È necessario aspettare tra i 6 e i 10 mesi, a seconda delle condizioni ambientali e dei vegetali utilizzati.

Anche le quantità sono importanti: è da tenere presente che per ogni metro quadro di orto occorrerebbero circa 4 chili di compost. Non serve spingerlo in profondità nel terreno, idealmente sarebbe meglio rimanesse nei primi 20 centimetri, dove può liberare tutte le sostanze utili che contiene. Chi vuole utilizzare il compost nell’orto biologico non deve nemmeno preoccuparsi dell’odore, visto che alla fine della maturazione il materiale organico è praticamente terriccio inodore.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.