AttualitàLifestyle

Come cuocere la pasta in acqua fredda

Arriva dagli Stati Uniti l’idea di cuocere la pasta in acqua fredda. Come funziona, se funziona, questa nuova tecnica? Scopriamolo insieme.

L’Italia non ha niente da imparare da nessuno per quanto riguarda la cottura e il condimento della pasta. O almeno è quello che ci è stato lasciato credere fino a oggi. Arriva dall’America infatti la nuova tecnica che prevede di cuocere la pasta in acqua fredda. Prima però che i primi segni di orticaria e di rigetto si facciano largo in voi, vediamo di capire cosa intendono gli americani con cuocere la pasta in acqua fredda, quali potrebbero essere i vantaggi e se davvero può funzionare.

cuocere pasta acqua fredda

Cuocere la pasta con meno sprechi

Tutti sappiamo, probabilmente da prima di nascere, come cuocere la pasta. Lo abbiamo visto fare centinaia di volte ed è il gesto più naturale del mondo: l’acqua bolle, togliamo il coperchio, saliamo e caliamo la pasta. Sui tempi di cottura si potrebbe scrivere un libro, ma a parte questo i passaggi sono chiari. Allora perché gli americani vogliono insegnarci come cuocere la pasta in acqua fredda? L’idea è partita da un certo Alton Brown, un conduttore di cooking show americano.

Originario della California, porta alla ribalta quanto affermato già nel 2009 dallo scienziato Harold McGee secondo il quale appunto la pasta inizia a cuocere già a 60°C. Per noi, abituati ad aspettare pazientemente il bollore, dedicandoci nel frattempo alla preparazione del sugo, questa idea può sembrare davvero assurda. Vediamo però di capire la teoria dietro questa nuova pratica.


Per cuocere la pasta in acqua fredda, secondo l’opinione di questi due americani, è sufficiente mettere la pasta in una pentola, coprirla con acqua fredda, salarla e quindi metterla sul fuoco con il coperchio. Una volta arrivata a ebollizione, sarà sufficiente togliere il coperchio e attendere che tutta l’acqua si sia assorbita, mescolando di tanto in tanto. In questo modo otterrete una perfetta cottura senza sprechi. I vantaggi? Sempre secondo gli americani sono una consistenza migliore, dato che tutti gli amidi vengono trattenuti dalla pasta, uno spreco di acqua minore e infine tempi di cottura più veloci. A voi la scelta se cimentarvi con questa nuova tecnica per cuocere della pasta in acqua fredda.

blank
Dopo una Laurea in Ingegneria mi sono allontanata dai numeri e avvicinata a nuove forme di espressione, come la fotografia e la scrittura. Il mio blog, Il Cucchiaio Verde, racchiude entrambe le passioni e ha come filo conduttore uno stile di vita vegetariano.