AmbienteAttualità

Città di Lagos: la Nigeria è pronta a rispondere al clima

Tempeste e innalzamento del livello dei mari rischiano di mettere in ginocchio la città di Lagos. Rispondere ai cambiamenti appare allora d’obbligo.

Il cambiamento climatico minaccia attivamente il futuro della città di Lagos. La metropoli della Nigeria, infatti, si prepara ad affrontare diverse sfide che renderanno inevitabile la convivenza con l’acqua. Alcune strutture architettoniche sono già state realizzate proprio con questo fine e lo stesso vale per i trasporti. La parola chiave rimane “resilienza”, ma la prevenzione non può essere trascurata.

Città di Lagos

LEGGI ANCHE: Entro il 2050 potrebbero esserci 1 miliardo di rifugiati climatici

Le sfide:

La città di Lagos conta 24 milioni di abitanti ed è una delle più grandi metropoli africane. Il cambiamento climatico sta rendendo gli eventi metereologici estremi sempre più frequenti. In futuro le tempeste sono destinate a farsi ancora più violente e le inondazioni non potranno che aumentare. Le piogge torrenziali rappresentano un problema anche oggi. La scorretta gestione dei rifiuti, infatti, rende impraticabili le strade affollate durante le tempeste. Anche il riscaldamento globale rappresenta una minaccia. Un aumento della temperatura terrestre di 2°C provocherebbe un innalzamento di 90 cm nel livello del mare nei pressi della città di Lagos entro il 2100. La parte meno elevata della metropoli finirebbe allora sommersa.


Architettura:

La città di Lagos ha già iniziato a reagire. Il quartiere Makoko, detto “Venezia d’Africa”, ne è la prova. Si tratta di una baraccopoli galleggiante, che poggia su un sistema di palafitte. Al suo interno si ergeva anche la cosiddetta Floating School, progettata da Kunlé Adeyemi. Aveva una struttura piramidale, che le conferiva stabilità, e un tetto adatto a far defluire la pioggia. È stata distrutta nel 2016, ma ha ispirato altre strutture in città costiere. Il governo nigeriano mira anche alla costruzione di frangiflutti e della Great Wall of Lagos. La barriera, costituita da 100.000 blocchi di cemento da 5 t, proteggerà 8.4 Km di costa, per un’altezza di 18 m.

Trasporti e prevenzione:

Il clima ha costretto la città di Lagos a rivedere il sistema dei trasporti. Oluwadamilola Emmanuel, manager della Lagos State Waterways Authority, ha affermato che traghetti sono enormemente progrediti. Il settore ha ovviamente risentito della pandemia ma il business appare promettente. Nel 2019 Uber ha persino lanciato un progetto pilota a essi collegato. Quanto a sostenibilità si mostrano una valida alternativa a bus o taxi, con meno emissioni per passeggero. Il governo mira anche ad aiutare cittadini e istituzioni nella prevenzione dei danni. La Flood Mobile App fornisce informazioni in tempo reale per la previsione di alluvioni, attingendo dalla Nigeria Hydrological Service Agency.

Le strategie adottate nella città di Lagos sono ammirevoli, anche se dei miglioramenti appaiono necessari. Le condizioni igienico sanitarie nei quartieri galleggianti, per esempio, sono precarie. Il fatto che la prevenzione sia affidata a un’app, poi, esclude ampie porzioni di popolazione. Di certo l’espressione “cercare di rimanere a galla” rischia di perdere ogni carattere proverbiale in favore di un significato tristemente letterale.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.