AnimaliAttualità

Cani, un “ti voglio bene” può fare alzare la loro frequenza cardiaca

Uno studio ha dimostrato che una dichiarazione d'affetto che arriva dal padrone fa aumentare il battito cardiaco degli amici a quattro zampe

Una dichiarazione d’affetto può far battere più forte il cuore, anche quello dei cani. Lo afferma un nuovo studio condotto dal portale inglese Canine Cottages. Un “ti voglio bene” detto al proprio fedele amico a quattro zampe, oltre a farlo scodinzolare a più non posso, può aumentare notevolmente la sua frequenza cardiaca.

Cani amore padrone

LEGGI ANCHE: Start-up si prepara a lanciare il primo cibo per animali domestici quasi vegano

Come cambia il battito dei cani

Per la precisione il battito accelera del 46 percento rispetto a quando è a riposo. Per l’esperimento i ricercatori di Canine Cottages hanno messo su quattro cani dei collari per il rilevamento della frequenza cardiaca allo scopo di verificare come cambiava in corrispondenza di determinate interazioni con l’uomo. Durante la settimana di monitoraggio, i volontari hanno registrato una frequenza media di 67 battiti a minuto. Ma quando sentivano un “ti voglio bene” da parte dei loro padroni, questa cresceva raggiungendo un picco medio di 98 battiti per minuto.

L’effetto di una dimostrazione d’amore sul battito del cuore del nostro amico a quattro zampe si vedrebbe anche quando dalle parole si passa ai gesti. Sempre lo stesso studio ha dimostrato infatti che un abbraccio può far scendere la frequenza del 23 percento rispetto alla media, fino ai 57 battiti per minuto.

Anche gli uomini hanno delle reazioni

L’esperimento non ha analizzato solo le reazioni dei cani alle azioni dei padroni, ma anche l’interazione opposta. Nei proprietari è stato riscontrato un aumento attorno al 10 percento della pressione sanguigna nel momento in cui vedevano il loro fedele compagno. Un aspetto che sorprende, ma fino a un certo punto. Già precedenti ricerche avevano riscontrato che accarezzare un cane rilascia nell’organismo l’ossitocina. La sostanza è chiamata anche “l’ormone dell’amore” in quanto viene prodotta dal corpo quando una persona si sente bene e sta legando con altri individui.

A causa del ridotto campione di cani coinvolti nell’esperimento, il suo valore scientifico è limitato. I risultati, tuttavia, sono stati accolti con entusiasmo. “È fantastico vedere che la frequenza dei nostri cani aumenta quando gli si fa una dichiarazione d’affetto, mostrando eccitazione, e che diminuisce quando sono abbracciati, provando soddisfazione”, ha detto Shannon Keary di Canine Cottages.

Come ci dimostra il suo amore Fido

Lo stesso portale, una sorta di AirBnb per chi vuole portare sempre il proprio cane in vacanza, ricorda che sono molti i modi in cui Fido ci dimostra il suo amore: le leccate affettuose, la condivisione dei suoi giocattoli con noi, quando si stende a pancia in su o salta ritto sulle zampe posteriori e quando viene a consolarci nei momenti di sconforto e stress. Sembrerà strano, ma anche quando distrugge le nostre cose personali vuole ricordarci quanto bene ci vuole.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.