AnimaliAnimali domesticiScienza

I cani sono più intelligenti dei gatti, lo dice la scienza

I cani sono più intelligenti dei gatti, lo dice uno studio scientifico condotto dagli studiosi di ben sei prestigiose università. Tutto dipende dal numero di neuroni e la scoperta è frutto di una semplice e brillante nuova metodologia.

I cani sono più intelligenti. Gli amanti dei gatti si risentiranno certamente, ma quando è la scienza a esprimersi c’è poco da fare, se non, al limite, attendere ulteriori avanzamenti della ricerca. La scoperta è avvenuta grazie all’utilizzo di una metodologia tanto innovativa quanto semplice: gli scienziati si sono messi a contare i neuroni.

Cani più intelligenti dei gattii

Tutta una questione di numeri.

La questione è semplice, un team di ricerca costituito da scienziati provenienti da sei università negli USA, in Brasile, in Danimarca e in Sud Africa, ha trovato che il cervello di Fido possiede circa il doppio dei neuroni rispetto a quello di un gatto. Fino ad oggi lo studio dell’intelligenza inter-specie era stato attuato, dal punto di vista biologico, comparando semplicemente la grandezza del cervello, ma quello che conta davvero è il numero di neuroni. Un più elevato numero di neuroni comporta un più elevato numero di connessioni tra questi, e un maggior numero di connessioni comporta una maggiore capacità cognitiva, e quindi un’intelligenza più sviluppata.

I cani sono piu intelligenti dei gatti lo dice la scienza

Il merito della scoperta va a una metodologia sviluppata già nel lontano 2005 nel laboratorio della professoressa di psicologia e scienze biologiche, Suzana Herculano-Houzel, dell’Università Vanderbilt del Tennessee (nell’immagine a seguire). Questa procedura risulta veloce ed economica, e consiste nel ridurre a una poltiglia la materia cerebrale per poi semplicemente contare al microscopio i nuclei neuronali liberati nel processo.

I cani sono più intelligenti dei gatti Suzana Herculano Houzel

Una metodologia che consente di quantificare con facilità e precisione il numero di neuroni presenti nel cervello o in una sua parte. Tornando, al dettaglio della ricerca, quanto emerge è che se la corteccia cerebrale di un gatto possiede circa 250 milioni di neuroni, quella di un meticcio di 6 kg ne possiede ben 429 milioni. Valore che cresce fino a 627 milioni in un Golden Retriver adulto di 29 kg. «I cani – sostiene la professoressa Herculano-Houzel – possiedono il doppio dei neuroni di un gatto e questo implica che essi abbiano maggiori capacità cognitive». Non ne abbiamo a male i felici e orgogliosi padroni di gatti, i nostri amici felini restano animali svegli e affascinanti, ma la scienza è scienza!

Fonti: CNN

blank

Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.