AmbienteAttualità

Baobab a rischio: coltivarli per garantirne la sopravvivenza

La situazione dei baobab a rischio preoccupa il mondo, ma, per rispondere al cambiamento climatico, l’uomo è pronto a sfoderare tutte le proprie risorse.

La condizione dei baobab a rischio ha attirato l’attenzione di molti ormai da anni. Questi alberi straordinari dai mille usi sono fra i simboli del continente africano e occupano negli ecosistemi un posto di rilievo. Il cambiamento climatico rappresenta oggi una minaccia pressante e intervenire è d’obbligo. Coltivarli purtroppo non è così semplice e l’uomo sta lavorando a strategie efficaci.

baobab a rischio

I baobab:

Lo status dei baobab a rischio genera allarme. Questi alberi possono raggiungere i 30 m di altezza, e i 15 di diametro. Gli esemplari più antichi superano i 1000 anni di età e sono spesso avvolti da un’aura di sacralità che li rende protagonisti del folklore africano. Il loro tronco è, poi, una preziosa riserva d’acqua. Le foglie possono essere bollite e mangiate come verdure. La polpa dei frutti è fonte di vitamina C e viene anche fatta fermentare per produrre birra. I semi possono fungere da base per oli e cosmetici, mentre le radici possono essere impiegate per la realizzazione di tinture. La loro ombra offre spesso il luogo ideale per mercati ed eventi comunitari.

Baobab a rischio:

La condizione dei baobab a rischio appare preoccupante. 9 dei 13 baobab più antichi dell’Africa sono morti nell’ultimo decennio e gli scienziati puntano il dito contro il cambiamento climatico. Le temperature in aumento, e le siccità sempre più severe, avrebbero, infatti, indebolito le piante rendendole più vulnerabili a parassiti, malattie e incendi. A essere in pericolo è un precario equilibrio. Questi imponenti alberi non sono, infatti, importanti solo per l’uomo, ma anche per l’ambiente. Essi contribuiscono a mantenere il suolo umido in un ambiente secco come quello della savana e favoriscono riciclo e circolazione dei nutrienti. Offrono, poi, sostentamento e riparo a molti animali, fra cui scimmie ed elefanti.

Coltivare i baobab:

Tutelare i baobab a rischio rappresenta una priorità.  Diverse comunità indigene li coltivano da secoli, ma a scoraggiare gli agricoltori sono i tempi. La fioritura richiede, infatti, tra 8 e 23 anni e non vi sono garanzie sulla produzione di frutti. Alcune recenti ricerche in Ghana sembrano, però, aver sviluppato tecniche che permettono di portare le tempistiche al di sotto dei 3 anni, ma ora sono necessari finanziamenti. Il processo di selezione delle migliori varietà disponibili in natura per la coltivazione richiede, poi, un lavoro lungo e impegno multidisciplinare. Kenneth Egbadzor di Ho Technical College ha affermato che il sogno è veder fiorire vere e proprie piantagioni di baobab, ma l’obiettivo appare ancora lontano.

I progetti per salvare i baobab a rischio appaiono promettenti, ma la situazione rimane critica. Cercare di ridurre le emissioni di gas serra, per mitigare l’impatto del riscaldamento globale, appare l’unica strategia a lungo termine perseguibile. Pensare che, a causa dell’uomo, alcuni degli alberi più antichi del mondo si trovano a condurre una battaglia contro il tempo, non può che smuovere le coscienze.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.