AmbienteAttualitàEcologia

Autobus elettrico: per i comuni già più conveniente dei diesel

L’autobus elettrico è finalmente una scelta più conveniente di quello diesel. Lo sostiene l’ultimo rapporto del C40, l’organizzazione che raggruppa le 40 principali metropoli del mondo. Il costo in costante discesa col crescere della tecnologia.

Nonostante il costo iniziale ancora più alto, il costo operativo finale di un autobus elettrico può già essere inferiore del corrispettivo di un autobus diesel. La scelta verde è finalmente anche una scelta più economica per le nostre città. A dirlo è il rapporto Electric Buses in Cities stilato da C40, l’organizzazione che raggruppa le 40 principali metropoli del mondo comprese Milano, Roma e Venezia.

autobus elettrico conveniente ricarica

Scelta verde, scelta economica

L’autobus elettrico potrebbe già essere la scelta migliore per le nostre città. Ad erodere il primato del Diesel è il continuo calo dei costi produzione e di operazione in controtendenza invece al crescere del costo del carburante. La «lotta» al momento è ancora un testa a testa con i veicoli elettrici generalmente più costosi all’acquisto ma meno costosi durante la loro vita. Secondo C40, tuttavia, il crollo del costo delle batterie ridurrà ulteriormente il divario e dal 2025 anche il costo d’acquisto sarà alla pari.

autobus elettrico ricarica conveniente batteria

Secondo il rapporto anche gli autobus più costosi da 350kWh che si ricaricano di notte a fine servizio, sono già più economici nell’arco della loro vita in quei paesi del mondo dove il diesel costa di più di 0,5 euro al litro. Questo significa che anche nella sua configurazione più costosa, un autobus elettrico è già una scelta economicamente più saggia per quelle città che devono fare i conti con alti prezzi dei carburanti.

Autobus elettrico: spaventa il costo iniziale

A spaventare, generalmente, le realtà urbane più piccole sono gli alti costi iniziali e la difficoltà di accesso. Eppure secondo il rapporto stanno nascendo nuove abitudini, tra cui quella delle città di fare squadra e mettersi assieme nell’acquisto dei mezzi per ottenere prezzi più bassi. Il problema rimane, ad oggi, quello delle batterie che rimane la componente che incide di più sul prezzo d’acquisto e di operazione di un autobus elettrico.

autobus elettrico conveniente testo

Il problema però è già meno incisivo di qualche anno fa, basti pensare che se nel 2016 le batterie di un autobus gravavano per il 26% del costo, oggi la cifra si attesta attorno all’’8%. Una cifra destinata a scendere ancora nei prossimi anni. Per quelle città che comunque avessero problemi nell’acquisto di batterie, oggi stanno nascendo anche opzioni di leasing che consentono di ridurre ulteriormente i costi.

Ricarica wireless una realtà

Presto inoltre anche l’ultima delle perplessità riguardo ai veicoli elettrici potrebbe essere un ricordo. I lunghi tempi di ricarica obbligano i veicoli più grandi a lunghe soste in deposito. La ricarica viene generalmente effettuata di notte nell’arco di diverse ore. Eppure la tecnologia oggi è in grado di offrire una ricarica wireless. Il problema del wireless è tuttavia la perdita di efficienza, ma sistemi in grado di garantire una performance alla pari con la ricarica tradizionale stanno venendo alla luce.

autobus elettrico ricarica

Il primo sistema di questo tipo è stato installato nella città di Wenatachee negli Stati Uniti. Permetterà agli autobus da 200kWh di ricaricarsi senza doversi fisicamente attaccare alla rete con una efficienza, a detta dei produttori, in grado di consentire un altro tragitto all’autobus dopo un tempo di ricarica di soli 5 minuti.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.