AttualitàLifestyle

Apple venderà pezzi di ricambio per le riparazioni fai da te dei suoi prodotti

In un cambio di rotta epocale, Apple metterà a disposizione i pezzi di ricambio ai clienti per effettuare riparazioni in casa.

Quante volte ce lo siamo sentito dire dopo che il telefono ci è caduto, magari rompendo lo schermo: “fai prima a comprarne uno nuovo che costa di meno”. Spesso, nella follia della società usa-e-getta in cui viviamo, è paradossalmente vero. Alcune compagnie in particolare hanno sfruttato il concetto di “obsolescenza programmata” per spingere ad acquistare nuovi apparecchi tecnologici a ciclo continuo, liberandoci senza tanti pensieri di quelli “obsoleti”. Questo è possibile, in genere, smettendo di supportare la parte software o limitando l’accesso ai pezzi di ricambio. In un cambio di rotta davvero epocale, la Apple ha deciso che metterà a disposizione pezzi di ricambio per iPhone, iPad e Mac, consentendo di effettuare riparazioni anche al di fuori dei suoi punti vendita dedicati.

pezzi di ricambio apple

Pezzi di ricambio Apple per riparazioni in casa

Apple, così come altre aziende nel settore tecnologico, hanno fino ad ora mantenuto un controllo strettissimo sulla distribuzione dei loro pezzi di ricambio. Chi ha mai dovuto riparare un iPhone o un iPad lo sa bene: i costi di riparazione arrivano spesso a cifre da capogiro. Eppure per il momento non esistono alternative. La situazione cambierà tuttavia a partire dal prossimo anno.

Nel corso del 2022 Apple metterà a disposizione di tutti i pezzi di ricambio per i modelli di iPhone 12 e 13 e successivamente per computer Mac con chip M1. Questo significa che, per chi è in grado, sarà possibile effettuare riparazioni fai-da-te direttamente a casa invece che doversi per forza rivolgere a un centro specializzato.

Prima negli Stati Uniti

Gli italiani maldestri che inevitabilmente finiscono per rompere gli schermi del loro iPhone dovranno tuttavia portare pazienza. I pezzi di ricambio Apple per riparazioni fatte in casa saranno in un primo momento disponibili solo negli Stati Uniti. Successivamente saranno messi a disposizione anche per il mercato del Regno Unito e infine per gli altri paesi attorno al globo. Secondo quanto rilasciato da Apple, i pezzi di ricambio serviranno per riparazioni delle parti più comunemente danneggiate come schermo, batteria e fotocamera.

Un occhio di riguardo anche per l’ambiente

Ovviamente, per la maggior parte degli utenti si tratta di un cambiamento relativo: quanti in fondo sarebbero veramente in grado di ripararsi il telefono in casa da soli? Eppure si tratta davvero di una rivoluzione. L’apertura delle grandi aziende tecnologiche come Apple all’idea di mettere a disposizione i pezzi di ricambio è un passo verso l’abbandono della politica dell’usa-e-getta e del nuovo a tutti i costi. Insomma, potremmo finire per tenerci il vecchio telefono più a lungo. Questo non può che essere una nota positiva per l’ambiente grazie a, si spera, meno rifiuti elettronici che finiranno in discarica.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.