AnimaliAnimali domestici

Animali senzatetto, a Milano il progetto Virginia offre cure veterinarie gratis

Assistenza veterinaria e comportamentale gratuita per gli animali senzatetto, così l’OIPA aiuta i clochard milanesi con un Fido in strada.

Un sostegno concreto e preziosissimo quello offerto dai volontari dell’OIPA di Milano agli animali senzatetto che condividono la vita da strada con persone senza fissa dimora. Grazie al progetto Virginia, una rete di medici veterinari e educatori cinofili è a disposizione dei clochard milanesi con un Fido a carico per offrire loro cure veterinarie di base e consigli per gestirli al meglio. Un sostegno concreto per chi vive in strada in solitudine, senza punti di riferimento né aiuti.

cani senzatetto
Foto: @OIPA

Assistenza agli animali senzatetto, perché se ne sente il bisogno

In Italia le strutture in grado di accogliere per la notte senzatetto con animali al seguito sono ancora poche, pochissime, mentre il numero delle persone senza fissa dimora continua a crescere. Il Censimento del 2021 ha evidenziato che i clochard nel nostro Paese sono quadruplicati negli ultimi 10 anni, passando da 125 mila a oltre 500 mila. E molti tra loro condividono questa vita difficile con un Fido, trovandosi spesso nell’impossibilità di far fronte a disagi e malattie.

In questo contesto, per volontà degli Angeli blu di OIPA Italia, Organizzazione internazionale Protezioni Animali, nasce il progetto Virginia, grazie al quale i volontari sono messi nelle condizioni di raggiungere gli “invisibili” che si prendono cura di un animale domestico per dar loro un sostegno concreto. I volontari forniscono assistenza veterinaria e comportamentale, beni di prima necessità quali cibo, coperte e cappottini per il freddo, antiparassitari, pettorine e guinzagli, snack masticativi, farmaci e tutto ciò di cui i clochard hanno più bisogno per garantire la sopravvivenza dei loro amici a quattro zampe.

Progetto Virginia, così gli animali senzatetto riceveranno assistenza

L’intervento degli Angeli Blu di OIPA è rivolto soprattutto ai clochard milanesi che per motivi più diversi hanno perso casa, lavoro o relazioni familiari e non possono contare su aiuti concreti, ma che dimostrino di avere un rapporto stabile con un amico a quattro zampe. Grazie anche alla partecipazione delle guardie zoofile di OIPA, infatti, i volontari possono verificare la regolare detenzione dei cani e le loro condizioni nel rispetto, da parte dei clochard, del Regolamento per il benessere e la tutela degli animali del Comune di Milano e della Regione Lombardia, allontanando dai ristori coloro che invece sfruttano gli animali solo per ricevere più elemosina.

Dedicato a Virginia, una volontaria OIPA prematuramente scomparsa, il progetto assistenziale per la salvaguardia dei cani in difficoltà vuole riaffermare valori preziosi quali solidarietà e altruismo e sensibilizzare quella parte di opinione pubblica ancora poco attenta ai diritti dei nostri amici a quattrozampe.

blank
Giornalista pubblicista, in continua formazione per attitudine, mi piace scrivere di tematiche ambientali, sostenibilità e innovazione. Attenta al presente, curiosa per il futuro, sono un’ottimista, convinta che l’unica cosa che ci renda migliori sia la volontà di migliorarsi.