AnimaliAnimali selvaticiLifestyle

Anche l’Italia ha il suo mostro di Loch Ness: vi presentiamo Bennie

In molti confermano di aver visto Bennie, il mostro del lago di Garda che ha trasformato la località turistica in una sorta di Loch Ness italiano.

Una misteriosa creatura potrebbe abitare nelle profondità del lago di Garda. Non si tratta certo di Nessie, il celebre mostro di Loch Ness, nelle Highlands scozzesi, bensì di Bennie. È con questo appellativo che è passato «amichevolmente» alla cronaca quello strano essere avvistato, più e più volte, dalle diverse sponde del lago di Garda – noto anche come Benaco – da cui il nome della creatura. Anche l’Italia dunque ha il suo mostro di Loch Ness?

Anche l’Italia ha il suo mostro di Loch Ness: vi presentiamo Bennie

Bennie, il mostro del lago di Garda

Sono anni che tiene banco la vicenda di Bennie. Gli avvistamenti più recenti risalgono allo scorso settembre, quando diversi testimoni a largo di Pai e Torri del Benaco, sulla sponda veronese del Lago di Garda, pare abbiano visto «due gobbe lunghe un metro e mezzo» muoversi nell’acqua. A sostegno di questo racconto la testimonianza di due donne, intervistate dal ricercatore Andrea Torresani.

Le immagini del video, divenuto virale sui social network, non sembrano smascherare il mistero che ancora aleggia attorno alla figura del mostro del lago di Garda. Fatto sta che l’esistenza di Bennie desta da anni l’attenzione di appassionati e non. C’è chi lo considera frutto d’immaginazione. Chi invece preferisce corroborare la tesi della sua presenza tra le acque del Garda, mai effettivamente certificata. E chi invece ha preferito cavalcare l’onda facendo leva sulla curiosità dei turisti. Ed ecco che, già da qualche anno, è possibile trovare tra le vetrine di alcuni negozi gardesani tutta una serie di gadget dedicati a Bennie, raffigurato come un simpatico mostricciattolo su portapenne, magliette e cappellini.

bennie Lago di Garda
Foto di Thomas Brenner

Qual è la verità? Come spesso accade, il confine che separa mito e realtà è sottile. Il caso di Nessie ha fatto scuola, alimentando una leggenda che dura da secoli e che da decenni rende il lago da cui prende il nome una tappa obbligata per chi si reca in Scozia. Una certezza rimane: fino a quando non ci saranno delle prove a sostegno o meno della sua esistenza, Bennie rimarrà pur sempre un affascinante, complicato, mistero. E forse è meglio così. Che l’Italia abbia trovato il suo mostro di Loch Ness?

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.