AmbienteEcologia

10 consigli per risparmiare acqua potabile in casa

Risparmiare acqua potabile a casa è semplice, bisogna solo ricordarsi di qualche semplice accorgimento e si potrà fare una grande differenza.

Con un po’ di attenzione risparmiare acqua potabile in casa richiede davvero uno sforzo minimo, ma il risultato sarà significativo sia per il vostro portafoglio che per l’ambiente. Ecco da dove cominciare questa piccola rivoluzione per sprecare di meno.

come-risparmiare-acqua-potabile

1. Riparare le perdite dei rubinetti

Può sembrare scontato ma riparare le perdite dei rubinetti può fare un’enorme differenza nel vostro consumo d’acqua annuale. Una goccia alla volta le quantità d’acqua che si sprecano sono ingenti ed evitarlo è piuttosto semplice. Nel caso non siate in grado di farlo da soli è bene chiamare un idraulico. Il vantaggio di un sistema di rubinetti efficiente ne varrà la spesa.


2. Installare rubinetti areati

Per risparmiare acqua potabile in casa scegliere di installare dei rubinetti areati è la scelta giusta. Userete meno acqua senza nemmeno accorgervene dato che il flusso sarà semplicemente più rado, ma non meno efficace.

3. Installare una cassetta del water a basso consumo

Cambiare la cassetta del water in favore di una a basso consumo permette di risparmiare acqua potabile in casa ad ogni uso dello sciacquone. Considerando che nel nostro paese in ambito domestico non vi è grande distinzione dell’acqua a seconda dell’utilizzo quella che finisce nella tazza è acqua pulita e perfettamente potabile.

4. Isolare i tubi dell’acqua calda

Si tratta di un’operazione un po’ più complessa che richiede il supporto di un professionista ma, isolare i tubi consente di ottenere l’acqua calda più velocemente, quindi evitando di farla scorrere inutilmente, sprecando.

5. Imparare a chiudere il rubinetto

Che si tratti del lavaggio dei piatti, dei denti o della doccia imparare a chiudere il rubinetto è il modo migliore per risparmiare acqua potabile in casa. Quindi: mentre si strofinano i piatti, ci si spazzola i denti o ci si insapona, l’acqua non deve scorrere.

6. Usare la lavastoviglie e la lavatrice a pieno carico

Gli elettrodomestici come la lavastoviglie e la lavatrice sono molto utili e comodi, ma bisogna usarli bene. Questo in termini di consumo di acqua – ma anche di corrente – si traduce in un utilizzo a pieno carico, in modo da ottimizzarne il carico di lavoro.

7. Diminuire il tempo della doccia

Per quanto sia piacevole stare sotto la doccia, il consumo d’acqua va alle stelle. Un buon metodo per risparmiare è darsi un tempo massimo. Per farlo è possibile anche impostare un timer o una sveglia. Un piccolo sforzo per un risultato che sarà sensibile dalle prime bollette.

8. Non scongelare gli alimenti con l’acqua

Per risparmiare acqua potabile in casa, un buon metodo da applicare in cucina, è quello di non scongelare gli alimenti nel lavabo. In fondo basta solo ricordarsi di estrarli dal congelatore un po’ prima e lasciarli all’aria. Una soluzione semplice ed economica.

9. Controllare spesso il contatore

Ricordarsi di dare un’occhiata periodica al contatore è un ottimo modo per avere sotto controllo la situazione e avere ben chiaro il vostro consumo d’acqua. Ricordandosi inoltre di chiudere il rubinetto generale quando ci si assenta da casa per un periodo. Un altro buon modo per evitare brutte sorprese.

10. Recuperare l’acqua piovana

Se si possiede un orto e un giardino, un eccellente modo per risparmiare acqua potabile in casa è recuperare quella piovana. Nel caso migliore si può installare una piccola cisterna, ma si può utilizzare benissimo anche qualche secchio. Il risultato farà la differenza.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.