AttualitàLifestyle

Wafu spaghetti, il piatto giapponese ispirato alla pasta italiana

Con wafu spaghetti si intende un piatto di pasta «alla giapponese», non il classico ramen o i tradizionali udon, ma ricette italiane reinterpretate con ingrediente del Sol Levante.

La storia dei wafu spaghetti ha mosso i suoi primi passi nel lontano 1600 in Giappone, nel periodo Edo, quando la pasta italiana raggiunse l’arcipelago del Sol Levante. Contro ogni previsione, però, fu solo diversi secoli dopo che i giapponesi cominciarono a dedicarsi alla pasta, al di fuori del loro tradizionale ramen, o i tipici udon, reinterpretando piatti italiani con ingredienti locali. E il merito fu, stranamente degli americani, la cui cultura contagiò il Giappone dopo la fine della Seconda Guerra mondiale.

wafu spaghetti

Perché i giapponesi adorano i wafu spaghetti

Per decenni il cibo italiano è passato quasi inosservato in Giappone, fino al 1980, bene o male, quando si verificò il «Itameshi Boom», segnando un periodo di vera e propria ossessione, da parte dei giapponesi, riguardo alla nostra gastronomia. Del resto bisogna tenere a mente che wafu spaghetti significa qualcosa di molto simile a «spaghetti alla giapponese», piatti diffusi in tutte le aree metropolitane del Sol Levante.

A differenza della pasta tradizionale giapponese, questi spaghetti non fanno parte della tradizione del paese, cercando invece creazioni più vicine ad uno stile di cucina fusion. Il parmigiano lascia il posto alle alghe, il basilico nostrano è sostituito da quello cinese, conosciuto come shiso e si utilizzano moltissimo le emulsioni di burro.

giapponesi adorano spaghetti

Un aspetto particolare dei wafu spaghetti è la loro considerazione nel panorama della cucina giapponese: mentre la cucina italiana è considerata sinonimo di raffinatezza e buon gusto, i piatti di pasta «alla giapponese», vengono trattati come una sorta di junk food. Nei locali dedicati interamente a questo tipo di gastronomia si vedono spesso e volentieri mangiare uomini soli, senza tempo – o spazio – per prepararsi un pasto a casa.

Del resto i prezzi per i wafu spaghetti sono solitamente molto contenuti, qualcosa come un euro a porzione, ma per chi invece preferisce puntare su piatti più raffinati si possono aggiungere ingredienti particolarmente intriganti, come il tarako, una sorta di caviale economico. Per questi motivi gli spaghetti sono così apprezzati, riuscendo ad unire sapore e praticità alla perfezione.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.