AmbienteEcologiaHot Topic

Vestiti biologici: l’industria della moda è sempre più sostenibile

I vestiti biologici sono il futuro della moda sostenibile. I punti chiave di questa nuova tendenza del mercato del fashion sono il consumo d’acqua e il cotone.

Parlare di vestiti biologici significa parlare di moda sostenibile. Una tendenza in costante crescita tra i brand del fashion mondiale, sempre più attenti alla materia prima e all’impatto ambientale delle loro creazioni. Tra gli argomenti più caldi, senza dubbio, il consumo d’acqua collegato alla produzione del cotone.

LEGGI ANCHE: Seta biologica: come si produce e le sue caratteristiche

Vestiti biologici e il tema del consumo di acqua

Il tema vestiti biologici non può essere trattato senza considerare il cotone biologico. Più della metà della produzione dei brand del fashion è composta di cotone e: se è vero che l’industria della moda punta ad essere più sostenibile, è altrettanto vero che il primo passo da compiere riguarda proprio la sostenibilità di questo tessuto. Tra gli aspetti più critici riguardanti questo discorso vi è sicuramente quello del consumo d’acqua. Produrre una normale t-shirt in cotone tradizionale richiede l’impiego di 2.700 litri di acqua. La stessa t-shirt fatta di cotone biologico consente di risparmiare ben 2.457 litri d’acqua. Una quantità che consentirebbe a una persona di bere 8 bicchieri di acqua al giorno per tre anni e mezzo.

Il World Economic Forum individua nello spreco dell’acqua uno dei 10 problemi principali per il pianeta e per questa ragione i vestiti biologici potrebbero essere la vera soluzione per una moda sostenibile, specie se si parla di cotone. Le imprese del settore oggi risultano sempre più attente alla questione ambientale, a partire dalla materia prima fino allo sfruttamento di una catena produttiva completamente sostenibile. Sono in molti i brand che già oggi si stanno convertendo a una politica più green, formando così una nuova nicchia di mercato che già oggi ha una quotazione milionaria. Il nuovo trend ambientalista è soprattutto frutto di una nuova coscienza da parte dei consumatori che, anche nel settore dell’abbigliamento, sono sempre più in cerca di soluzioni per ridurre il proprio impatto ambientale.

Produrre cotone biologico garantisce un risparmio d’acqua del 91% e per questa ragione i vestiti biologici di cotone sono un’alternativa concreta ed efficace – dal punto di vista della sostenibilità – a capi più tradizionali. Un’opzione che sia i consumatori che le case di moda farebbero bene ad abbracciare.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.