Hot TopicItinerariLocali

Under, il primo ristorante sott’acqua in Europa sarà in Norvegia

Si chiama Under ed è una novità per noi Europei: un ristorante subacqueo dall’aspetto avveniristico, una sorta di periscopio rovesciato che affonda nel mare.

Il gioco di parole tra è notevole: Under, traducibile con «sotto» in inglese e «meraviglia» in norvegese, racchiude in cinque lettere tutto quello che dovete sapere. Il locale, che assomiglia ad un guscio di cemento, risulta completamente «sconnesso» dal paesaggio circostante. Sarà ufficialmente il primo ristorante sott’acqua in Europa, un’opera concepita per colpire i clienti e offrire un’esperienza semplicemente indimenticabile.

under ristorante

Il progetto del ristorante Under

Il progetto del ristorante Under dovrebbe iniziare a concretizzarsi tra qualche mese, nel Febbraio del 2018, ma le immagini che lo studio norvegese Snøhetta fanno già immaginare lo spettacolo che sarà una volta terminato. Il primo ristorante sott’acqua d’Europa affonderà per cinque metri vicino allo sconosciuto villaggio di Båly, nel punto più a Sud della costa norvegese.

Inizio lavori nel 2018

La struttura del ristorante Under ricorda un monolito, fabbricato con materiali e manodopera locale, adagiato sul fondo e riscaldato sfruttando l’energia geotermica del fondale e pompe termiche di ultima generazione. I progettisti hanno immaginato il guscio perché venisse coperto nel più breve tempo possibile da una grande varietà di organismi marini, una sorta di barriera corallina, parte fondamentale del progetto.

Under, il primo ristorante sott'acqua in Europa sarà in Norvegia

«Attraverso la sua architettura – ha raccontato il team di Snøhetta che ha seguito i progetti del ristorante Under – i suoi menù e la sua missione di informare i clienti sulla biodiversità del mare, Under vuole regalare un’esperienza sott’acqua che ispiri un senso di meraviglia e sorpresa, attivando tutti i sensi, sia fisici che intellettuali.»

Matteo Buonanno Seves

Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.