CulturaEcologiaEconomia

Un nuovo incubatore per startup plant-based a Berlino

In arrivo l’incubatore per startup plant-based a Berlino firmato ProVeg. Un progetto per lanciare idee e prodotti, sostenibili e innovativi.

ProVeg International, con la sede centrale a Berlino, è una delle principali organizzazioni internazionali di sensibilizzazione alimentare che opera su obiettivi globali e progetti sempre più ambiziosi. Negli ultimi dieci anni, questa realtà in rapida crescita, ha unito le forze sia con aziende affermate che con startup nel tentativo di ampliare il mercato di alimenti vegetali, sani e sostenibili.

incubatore startup plantbased berlino

Per il raggiungimento di obiettivi sempre più concreti, la ProVeg ha recentemente annunciato la volontà di lanciare, a breve, un nuovo entusiasmante incubatore, progettato per aiutare le startup che stanno sviluppando «prodotti vegetariani innovativi».

Cos’è la ProVeg International

Questa associazione tedesca, con sedi anche in altre città europee e in Sud Africa, ha come principale obiettivo quello di sensibilizzare i consumatori nei confronti di quella che potrebbe una soluzione a molti dei problemi che affliggono il mondo, ovvero una maggiore consapevolezza delle nostre scelte alimentari. Quella che viene da loro promossa è una dieta plant-based, sostenibile e salutare, pensata per il nostro benessere e per quello del pianeta.

proveg internatonal incubatore startup

La ProVeg collabora con i governi, con le istituzioni pubbliche e con l’industria alimentare per migliorare il gusto, la facilità e l’accessibilità degli alimenti a base vegetale. Per farlo contano su un team di 100 dipendenti di 22 diverse nazionalità, impegnato in percorsi informativi, online e offline, e nell’organizzazione di campagne di sensibilizzazione ed eventi. Uno dei punti chiavi della loro mission è quella di collaborare con aziende e startup per lo sviluppo e la crescita del mercato globale di alimenti e prodotti plant-based, obiettivo che ha dato vita al recente progetto dell’incubatore di startup.

Un nuovo incubatore per startup vegetariane e green a Berlino

Secondo quanto riportato dal membro del team di ProVeg, Sebastian Joy, questo incubatore nasce dalla necessità di aiutare le fiorenti nuove imprese che vogliono rispondere alla crescente domanda di nuovi prodotti vegetariani ma che trovano difficile entrare con successo nel mercato; i problemi più frequenti sono la scarsità di risorse finanziarie, di know-how economico o di infrastrutture corrispondenti. L’incubatore ProVeg intende supportare le startup nello sviluppo dei loro prodotti e in ogni fase del processo di ingresso sul mercato.

incubatore startup vegetariane berlino

Attraverso questo progetto l’associazione vuole sostenere e far sviluppare le idee più innovative e creative sul fronte degli alimenti privi di sostanze di origine animale, inclusi carne e tonno realizzati in laboratorio e ricavati da pomodori. Per fare questo l’incubatore metterà in contatto startup internazionali che lavorano su programmi alimentari innovativi e 100% vegetali con investitori che siano allineati con i loro obiettivi, nonché con i migliori esperti nel movimento alimentare sostenibile.

La scelta di Berlino, capitale vegan europea

Conosciuta come la capitale vegana europea, Berlino è il luogo perfetto per ProVeg per realizzare questo incubatore. Si pensi che la città tedesca vanta quasi 200 ristoranti vegetariani e, secondo le stime, ogni anno vengono lanciate oltre 40.000 nuove aziende.

berlino capitale vegan startup

Devon Fritz, direttore dell’organizzazione dei fondi di beneficenza Founders Pledge Germany, ha affermato che il promettente e crescente ecosistema di startup berlinesi è un focolaio per le aziende vegane e green che cercano di migliorare il mondo. Un incubatore per supportare tali startup sarebbe estremamente utile e la ProVeg International sembra essere l’organizzazione ideale per creare e gestire un progetto del genere.

TOPIC Berlinoveg
blank

Nomade digitale, docente di social media marketing e scrittrice, appassionata di viaggi, arte, tecnologia e alimentazione vegetariana e vegana. In cucina ama prendere spunto dalle sue passioni, aggiungendo ingredienti naturali e un pizzico di creatività.