CulturaScienza

Gli scienziati hanno scoperto come l’intestino comunica col cervello

Un gruppo di ricercatori australiani ha scoperto come l’intestino comunica col cervello influenzando benessere e umore.

Si dice spesso che l’intestino è il nostro “secondo cervello”. Questo perché nel nostro intestino si trovano milioni di cellule nervose che ricoprono il tratto gastrointestinale. Questo strato è in comunicazione diretta col nostro cervello ma il modo in cui questo collegamento funziona è rimasto a lungo un’incognita. La funzione di questo strato di cellule è ancora incerta ma si ritiene sia responsabile almeno in parte per il nostro umore e il nostro benessere psicofisico. Ecco perché una corretta e sana alimentazione è così importante non solo per “stare” meglio, ma anche per “sentirsi” meglio.

Un gruppo di ricercatori della Università Flinders in Australia è convinto di aver finalmente decifrato il modo in cui il nostro intestino comunica col cervello, aprendo così la porta per capire filmante il ruolo di questo misterioso secondo centro decisionale.

intestino comunica col cervello
Foto: Alicia Harper @Pixabay

Così l’intestino comunica col cervello

L’intestino comunica col cervello grazie a un asse di comunicazione a due direzioni che collega il nostro centro cognitivo ed emotivo (il cervello) con le funzioni intestinali ma per i neuroscienziati fino ad ora l’intero processo era rimasto un bel grattacapo. Lo studio, pubblicato sull’American Journal of Physiology, rivelerebbe una scoperta quantomeno rivoluzionaria.

Come spiega il professor Nick Spencer, autore dello studio, all’interno della parete intestinale si trovano cellule specializzate chiamate cellule enterocromaffine (EC) che producono e rilasciano ormoni e neurotrasmettitori in risposta a particolari stimoli prodotti in base a quello che mangiamo. Queste cellule rilasciano la stragrande maggioranza della serotonina prodotta nostro corpo. Secondo lo studio, questo sarebbe un indizio fondamentale. La serotonina è un neurotrasmettitore che facilita la trasmissione di informazioni tra le cellule nervose. Il cibo che assumiamo agirebbe quindi per lo stimolo e il rilascio di questa sostanza da parte delle cellule EC.

Come funziona il nostro secondo cervello

Il team di ricerca ha effettuato la scoperta grazie ad una tecnica mai utilizzata fino ad ora che ha permesso di vedere per la prima volta le terminazioni sensoriali della parete intestinale. Fino ad ora era stato come trovare un ago in un pagliaio. La tecnica ha permesso ai ricercatori di notare come le cellule EC rilasciano sostanze attraverso un processo di diffusione che va ad agire sui nervi sensoriali.

Sarebbe questo il modo in cui il nostro intestino comunica col cervello. Al contrario di alcune ipotesi, non è stato invece trovato alcun collegamento fisico diretto tra le cellule EC e le terminazioni nervose sensoriali. “L’intestino è l’unico organo con un proprio sistema nervoso, noto come Sistema Nervoso Enterico o secondo cervello” ha spiegato Spencer “Ora abbiamo una migliore comprensione di come il secondo cervello comunica con il primo”.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.