AmbienteEcologia

SavingFood, il progetto europeo per ridurre gli sprechi alimentari

SavingFood è un progetto europeo per ridurre gli sprechi alimentari, attraverso una piattaforma innovativa ed eventi di sensibilizzazione.

In Europa, nel 2016, ha preso il via un progetto chiamato SavingFood che sta davvero facendo la differenza nella lotta agli sprechi alimentari. Le iniziative pilota della SavingFood, tra cui una piattaforma innovativa 2.0 ed eventi e interventi di vario tipo, sono per ora state testate in Grecia, Ungheria, Regno Unito e Belgio.

SavingFood

Il progetto, sviluppato anche grazie ai finanziamenti ricevuti dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea e al supporto di partner di rilievo, vuole affrontare questo problema ambientale e sociale con un nuovo approccio, ovvero coinvolgendo e sensibilizzando tutti coloro che sono coinvolti nel ciclo dei rifiuti alimentari con il fine di lottare insieme per una soluzione. Per far questo SavingFood ha già lanciato programmi e iniziative e guidato una sempre crescente comunità online e un’attiva rete di volontari.

SavingFood: la piattaforma innovativa crowdsourcing anti-spreco

«Possiamo tutti essere parte della soluzione»; è questo uno dei motti del progetto europeo SavingFood, volto a combattere la fame attraverso concrete iniziative, anche nate dal basso, che mirino soprattutto alla donazione di cibo in eccedenza alle organizzazioni di assistenza sociale che supportano le persone bisognose. Per far questo SavingFood ha già lanciato programmi e iniziative e guidato una sempre crescente e attiva rete di volontari, ma soprattutto ha creato una piattaforma digitale in cui tutti i partecipanti, tra cui donatori di alimenti, beneficiari, responsabili politici e società in generale, possono impegnarsi, discutere e dare un contributo efficace nella ridistribuzione del cibo.

SavingFood piattaforma

La comunità digitale che si registra a Saving Food può infatti effettuare donazioni di soldi o di cibo, con la possibilità di consultare giornalmente il risultato delle loro azioni private o collettive. Ognuno dei cittadini coinvolti può, ad esempio, sposare cause legate al proprio quartiere, cedendo quotidianamente il cibo a organizzazioni o a persone in difficoltà e sentendosi realmente coinvolto in un piccolo grande cambiamento. Nell’attesa che questo strumento prenda piede anche in altri paesi europei, è bene intanto essere consapevoli e informati sul problema, anche attraverso i canali digitali SavingFood, e sui possibili modelli operativi per risolverlo.

Eventi e iniziative SavingFood

Come abbiamo visto, alla base di questo movimento anti-sprechi alimentari, non ci sono solo attività che prendono vita online ma anche eventi offline di vario tipo, volte, tra le altre cose, a guidare e sostenere il cambiamento comportamentale delle persone verso la riduzione degli sprechi alimentari a livello personale e collettivo, a migliorare la consapevolezza e l’impegno tra le parti interessate e a rendere più comprensibili i processi di consapevolezza e azione collettiva.

SavingFood eventi iniziative

Tra gli eventi di rilievo finora svolti da SavingFood il Manchester Spring Fiesta, una vera e propria festa comunitaria con pasti gratuiti con il cibo raccolto dai cittadini e dai produttori locali, e il SavingFood Festival di Atene, un evento contro lo spreco di cibo attraverso show cooking di chef e food blogger, laboratori educativi ed esperienziali, una mostra fotografica e presentazioni video che hanno affrontato il problema dello spreco alimentare e molto altro ancora. Donare, informarsi, divertirsi e condividere sembrano essere le parole d’ordine alla base di queste straordinarie iniziative europee, per reclutare nuovi sostenitori e avvicinare a questo tema persona di tutte le età e di tutti i paesi.

blank

Nomade digitale, docente di social media marketing e scrittrice, appassionata di viaggi, arte, tecnologia e alimentazione vegetariana e vegana. In cucina ama prendere spunto dalle sue passioni, aggiungendo ingredienti naturali e un pizzico di creatività.