AmbienteEcologia

Rifiuti organici traformati in gas per cucinare, vi presentiamo Homebiogas

I rifiuti organici della vostra cucina trasformati in biogas per cucinare. Ecco la rivoluzione di Homebiogas, per produrre energia pulita direttamente nel vostro giardino.

I rifiuti organici di casa non andranno mai più sprecati grazie a Homebiogas, una start up che sta riscuotendo un grande successo grazie al suo nuovo prodotto Homebiogas 2.0.

Rifiuti organici traformati in gas per cucinare come funziona

Un dispositivo facilmente installabile nella vostra casa capace di trasformare i rifiuti organici della cucina o del vostro giardino in biogas utilizzabile per cucinare.

Cucinare green

Una famiglia produce mediamente 2 litri di rifiuti organici ogni giorno. Questi vengono normalmente buttati nella spazzatura o trasformati in fertilizzante tramite dei sistemi di compostaggio domestici. Ma grazie a Homebiogas, la start up israeliana che ha sbancato su kickstarter, cucinare diventerà completamente ecologico.

Il loro prodotto si chiama Homebiogas 2.0 ed è il secondogenito della piccola azienda. Si tratta di un dispositivo contenente acqua e speciali batteri che grazie ad una fermentazione anaerobica (in assenza di ossigeno) sono in grado di produrre metano utilizzabile in cucina. Particolarmente adatto ai climi caldi, l’unico scarto che produce è dell’acqua «sporca» perfetta per fertilizzare il terreno. La camera che raccoglie il gas prodotto può essere poi collegata al fornello di casa, ad un fornello da giardino o a delle lampade a gas, tramite un semplice tubo.

Rifiuti organici traformati in biogas fertilizzante

Il sistema si monta in meno di un’ora e a pieno regime è capace di produrre biogas sufficiente per 3 ore di fuoco dal fornello. Homebiogas 2.0 potrebbe costituire una soluzione eccellente per i paesi in via di sviluppo, permettendo anche alle comunità rurali di accedere facilmente ad una fonte di gas per cucinare o illuminare.

Rifiuti organici traformati in biogas

Il sistema, che sarà acquistabile da maggio 2018, risulta un opzione ecologica ed economica capace di ridurre l’impatto della vita di tutti i giorni sull’ambiente e, perché no, farvi anche risparmiare.

Fonti: homebiogas – inhabitat

blank

Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.