AttualitàLifestyle

Pampshade, le lampade ricavate da vero pane

Delle lampade così sicuramente non le avete mai viste, un design sorprendente per un materiale assolutamente improbabile. Pronti a vedere la classica pagnotta sotto un’altra luce?

Siamo abituati a non essere più sorpresi dalle scelte sempre più fuori dagli schemi di certi designer, soprattutto quando ad essere tirato in ballo è il cibo. Ma questa siamo quasi sicuri non l’abbiate mai vista: una lampada-panino. Letteralmente delle pagnotte trasformate in lampade. Si chiamano Pampshade e sono l’ultima trovata di una geniale designer giapponese.

Una lampada-panino

Baguette o croissant?

L’artista giapponese si chiama Yukiko Morita, e si sta facendo largo sulla scena del design degli interni a suon di prodotti da forno: farina, sale, lievito e acqua, con l’aggiunta un pizzico di elettronica e luci LED. Il risultato sono le Pampshade, lampade di ogni forma e dimensione, dalla baguette a semplici croissant, alimentate da qualche batteria AA.

Baguette o croissant?

A scanso di equivoci lo ribadiamo: il pane non è finto, viene impastato, cotto e una volta pronto scavato per fare spazio ai componenti interni; l’ultimo tocco è una particolare resina con cui viene interamente ricoperto, in modo da conservare per sempre l’aspetto fresco e croccante della pagnotta appena sfornata.

Creazione di Yukiko Morita

La passione di Morita per questo prodotto va indietro di parecchi anni, tanto che la sua esperienza con il pane ha avuto inizio nel 2006, quando ancora era solo un’adolescente. Da lì lo sforzo è sempre stato costante per perfezionare forma e funzionalità, in modo da creare la lampada più affascinante e ispiratrice sul mercato.

Fonti: pampshade.com – mymodernmet.com

TOPIC Designpane
Matteo Buonanno Seves

Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.