ItinerariLocali

Il migliore kabab al mondo è a Londra e costa 70 euro

Il kebab migliore del mondo lo prepara uno chef a Londra, che lo ha trasformato in un menù da sei portate da 70 Euro. Si mangia con le mani, direttamente sul bancone.

Il doner kebab migliore del mondo a 70 Euro, è l’idea di uno chef di Londra che ha deciso di spingere un piatto considerato economico per eccellenza verso orizzonti mai raggiunti prima. Il progetto è nato dall’esperienza di Manu Canales, sous chef di un ristorante stellato, assieme a Stephen Tozer e Ed Brunet, con l’obiettivo di mettere a frutto l’esperienza dei tre nel mondo del kebab, reinterpretato in chiave europea. Così il piatto di origini turche si trasforma in un menù degustazione da 6 portate, servito senza piatto e senza posate.

migliore kebab mondo Londra
Foto di Globetrender

Il progetto dietro al migliore kabab al mondo

Per fare il kebab migliore del mondo Manu Canales ha deciso di pensarlo dal principio, immaginando un’intera esperienza gastronomica in grado di ruotare attorno a questo prodotto. Così il doner kebab si trasforma da panino da mangiare a pochi euro camminando per strada a complesso menù con diverse portate. Ma non si tratta solo dei piatti, ma anche al come ci si mangeranno.

progetto kebab migliore mondo
Foto di Globetrender

Cucina aperta, sufficiente a servire 10 persone, che si accomoderanno su lussuosi sgabelli davanti ad un bancone comune a tutti i commensali. Si mangerà rigorosamente con le mani, senza posate e le pietanze verranno servite senza piatti, direttamente sul banco. Per rendere possibile questa esperienza lo chef Canales ha reso l’intera superficie riscaldabile, costruita con un materiale naturalmente antibatterico.

Il locale si chiamerà Kebab Queen e nascerà come concept restaurant, aperto di fianco al già avviato Maison Bab, in cui Manu Canales ha avuto modo di studiare con dedizione questo prodotto. Per capire a fondo la sua idea bisogna tenere presente una questione importante: con il termine kebab ci si riferisce ad una impressionante quantità di preparazioni, accomunate da una cottura simile.

kebab queen
Foto di Globetrender

Il menù kebab da 70 Euro

Originariamente l’idea era di offrire ai clienti 7 portate, ma attualmente sul sito ufficiale del locale si legge che le portate sarebbero 6, dall’antipasto al dolce. Tenendo presente che la degustazione può variare, ma vi raccontiamo cosa si poteva gustare a marzo del 2019:

  • Due antipasti, di cui uno è il «foie gras kebabito», una piccola porzione di foie gras cotto grigliato, come una sorta di barbecue.
  • A seguire la versione british del doner kebab, interpretata però in chiave «doner risotto», preparato con agnello e guarnito con la lingua dell’animale.
  • C’è anche spazio per il pesce, con la rana pescatrice, condita con il suo stesso fegato e della pelle di pollo, servita all’interno di una foglia di cavolo.
  • Il piatto principale è l’anatra, cotta in un modo che ricorda il tipico stufato iraniano Ghormeh Sabzi, servita con riso persiano, nocciole e melagrano.
  • Chiude il menù il dessert, «Got Milk?», un dolce che ricorda l’infanzia dello chef Manu Canales, composto da panini al latte farciti con crema caramellata e una crème fraiche in forma di sorbetto.

Insomma, un’esperienza a tutto tondo che ha come denominatore comune il kebab, trasformato in una serie di piatti studiati nei minimi dettagli. Il tutto consumato in un contesto originale e informale, senza venir meno a una certa raffinatezza creativa.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.