AmbienteEcologiaLifestyle

Le eco case funzionano ancora meglio sotto terra

Come si fa a non pensare alle affascinanti abitazioni degli hobbit, sentendo di una casa sotto terra? Basta dare un’occhiata ai primi schizzi digitali di un nuovo progetto inglese per capire che la realtà può superare la fantasia.

Completamente invisibile a chiunque passi lì vicino, tra le eco case questo progetto spicca per ingegnosità e creatività. Erba sul tetto, linee totalmente inglobate dalla natura circostante, mentre un’apertura visibile solo avvicinandosi svela gli ambienti tra le colline. Il tutto per una cifra appena superiore al milione di sterline, sei anni di scavi da attuare e tanto ancora da fare.

L'esterno dell'eco casa nel Kent

Una casa come mai prima

Basta dare una rapidissima occhiata alle foto qui vicino per rendersi conto della portata del progetto. Ricavata in una collina vicina a Bigbury Camp, nella regione inglese del Kent, la regina di tutte le eco case è in costruzione proprio in questi giorni. E ormai sono sei anni che si lavora, un tempo reso così lungo anche dalla quantità degli scavi da compiere. Ma proprio qui sta il trucco: la casa è praticamente invisibile dall’esterno, tutti i suoi ambienti si sviluppano sottoterra.

Ingresso eco casa

Una volta imboccato un sentiero che porta al suo ingresso si incappa in una sorta di depressione a forma di goccia, pensata come «corte» per accogliere gli ospiti. Le auto troveranno posto in un garage solo tramite uno speciale ascensore, mimetizzato tra l’erba. Per la realizzazione e durante tutto l’arco della sua vita la casa non produrrà un singolo grammo di carbonio.

Interno eco casa

Gli interni saranno ancora più affascinanti, con moltissimo vetro trasparente per garantire la quantità di luce necessaria e soprattutto molto legno a vista, un materiale perfetto per mitigare gli sbalzi di temperatura. I lavori nel frattempo procedono molto speditamente e si stima che verranno conclusi entro Marzo del prossimo anno.

Fonti: dailymail.co.uk

Matteo Buonanno Seves
Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.