CulturaHot TopicScienza

Gli scienziati proveranno a cucinare i primi biscotti nello spazio

Un forno speciale realizzato apposta per cucinare biscotti nello spazio in assenza di gravità. Si studieranno anche gli effetti sugli ingredienti e sul corpo umano.

Pare incredibile, ma nel 2019 cucinare biscotti nello spazio è ancora qualcosa di molto complicato. L’assenza di gravità infatti rende estremamente difficile, se non impossibile, l’utilizzo di un forno tradizionale per cucinare biscotti o qualunque altro prodotto da forno. Determinati a risolvere il problema una volta per tutte scienziati sono al lavoro per studiare come sia possibile fare pane e biscotti nello spazio e gli eventuali effetti sulla ricetta e sul corpo umano.

LEGGI ANCHE: Cosa hanno mangiato i primi astronauti sulla Luna

biscotti nello spazio

La prima volta dei biscotti nello spazio

Gli alimenti di cui si nutrono gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale sono generalmente tutti «importati» dalla Terra. Fin’ora gli astronauti hanno potuto mangiare alcuni ortaggi cresciuti direttamente in orbita ma tutti i biscotti mangiati nello spazio sono stati di origine terrestre. Questo perché cucinare biscotti può essere complicato quando tutti gli ingredienti tendono a galleggiare nel vuoto invece che posarsi comodamente sulla base del forno.

LEGGI ANCHE: La dieta degli astronauti: la NASA spiega come si mangia nello spazio

cucinare biscotti spazio

Per far fronte a questo problema un forno sperimentale è stato costruito da Zero G Kitchen e NanoRacks, aziende private che forniscono equipaggiamenti di ricerca sulla Stazione Spaziale. Sulla Terra l’aria calda più leggera tende a salire verso l’alto creando un moto dell’aria e influendo direttamente sul processo di cottura. Ma in assenza di gravità non esiste un «alto» o un «basso» e quindi il calore tende ad espandersi in tutte le direzioni cambiando radicalmente la cottura dei cibi. Il forno sarà quindi dotato di resistenze su tutte le pareti per consentire una cottura il più possibile uniforme. Ma a questo punto sorge un ulteriore problema: l’assenza di gravità porta gli ingredienti a volare da tutte le parti. Per cucinare sarà necessario uno speciale vassoio in silicone per «intrappolare» la pasta durante la cottura e impedire la dispersione di molecole.

LEGGI ANCHE: Il cibo nello spazio è quasi tutto senza glutine

biscotti spazio

Come saranno i primi biscotti spaziali?

Anche il risultato potrebbe essere tutt’altro che convenzionale. I primi biscotti nello spazio assomiglieranno probabilmente più a delle frittelle o quantomeno a delle palline. La forza di gravità sulla Terra contrasta con la tendenza dei lieviti a crescere e quindi pane o biscotti finiscono per assumere una forma caratteristica che non è replicabile in assenza di peso. Saranno almeno buoni? Purtroppo non spetterà agli astronauti stabilirlo, pare infatti che i primi biscotti nello spazio non potranno venire mangiati ma dovranno tornare sulla Terra per venire analizzati. Tra le preoccupazioni dei ricercatori i possibili effetti sugli ingredienti in assenza di gravita ed eventuali ripercussioni sul corpo umano. Il primo forno per cucinare in assenza di gravità dovrebbe venire lanciato sulla Stazione Spaziale entro la fine dell’anno.

blank

Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.