AmbienteEcologia

Giornata Mondiale degli Oceani 2021

Questo 8 giugno è la Giornata Mondiale degli Oceani, occasione per fare il punto sulle condizioni critiche in cui versa uno dei “polmoni” del nostro pianeta.

Coordinata e promossa a livello internazionale da The Ocean Project dal 2002, la Giornata Mondiale degli Oceani è una celebrazione annuale che si tiene l’8 giugno. A partire dal 2009, la Giornata Mondiale degli Oceani è stata ufficialmente riconosciuta anche dalle Nazioni Unite. Si tratta di una celebrazione che organizzazioni e persone da tutto il mondo con un unico obiettivo: stimolare la conoscenza e l’azione per la tutela e la salvaguardia dei nostri oceani.

Giornata Mondiale degli Oceani

Perché una Giornata Mondiale degli Oceani?

La salute dei nostri oceani è in crisi. Secondo dati ONU il 90% delle grandi popolazioni ittiche è esaurito o in esaurimento e il e il 50% delle barriere coralline sono ormai distrutte. La perdita di biodiversità è estremamente grave. Stiamo sfruttando i nostri oceani e i nostri mari più di quanto possiamo permetterci. Gli oceani sono un vero e proprio “polmone” del pianeta: producono infatti almeno il 50% dell’ossigeno grazie all’azione del fitoplancton. Non solo: si tratta di una fonte di proteine e sostentamento per oltre 1 miliardo di esseri umani, nonché il principale deposito di CO2 assorbito dall’atmosfera. La loro salvaguardia deve divenire una priorità. Lo scopo della Giornata Mondiale degli Oceani è informare tutti dell’impatto delle azioni umane e unire la popolazione mondiale in un progetto per la gestione sostenibile degli oceani del mondo.

La campagna 30×30

I principali scienziati al mondo hanno stabilito come sia fondamentale proteggere almeno il 30% del nostro pianeta entro il 2030. Da qui è nata la Campagna 30×30. Così come per la superficie terrestre anche per gli oceani è necessaria un’opera di salvaguardia strutturale. Il tema della Giornata Mondiale degli Oceani di quest’anno è “The Ocean: Life and livelihoods” ovvero “Oceano: Vita e mezzi di sostentamento”. Si tratta di una dichiarazione d’intenti che darà il via a un decennio di sfide per la salvaguardia di almeno un terzo delle risorse marine entro il 2030. Un impegno chiesto non solo ai singoli cittadini, ma a tutte le nazioni del pianeta.

Il tema di quest’anno, spiegano dall’ONU, è particolarmente rilevante in vista del Decennio delle Nazioni Unite sulla scienza oceanica per lo sviluppo sostenibile. Il decennio punta a rafforzare la cooperazione internazionale e la ricerca scientifica. Obiettivo: trovare un modo di allineare la salvaguardia degli oceani con i bisogni della società.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.