ItinerariStoria

Giethoorn, la città senza macchine né strade

Con i suoi 2600 abitanti la città di Giethoorn è stata soprannominata «Little Venice» per le sue infrastrutture acquatiche e l’assenza di strade.

Esiste una città nei Paesi Bassi in cui gli abitanti, circa 2600, non usano né strade né macchine, piuttosto vanno molto in voga le barche. Il motivo è semplice: le infrastrutture del piccolo paese si affacciano su una fitta ragnatela di canali, tanto da guadagnarsi il nome di piccola venezia, un luogo dal fascino universale e senza tempo. Benvenuti a Giethoorn.

Un paese tra i canali

Un paese tra i canali

Questa piccola cittadina conta appena più di un migliaio di abitazioni, ma è famosa soprattutto per lo spropositato numero di barche che ne navigano gli stretti canali: parliamo, nelle giornate buone, di numeri che oscillano tra le 500 e le 600 imbarcazioni.

Giethoorn, il paese senza strade

Queste piccole barche sono famose nei Paesi Bassi, dove sono chiamate punters, una tipologia di imbarcazione largamente diffusa che, però, si differenzia dai modelli impiegati in altre nazioni per la sua poppa e prua, di forma leggermente appuntita. Alcuni fonti affermano che questo tipo di barca possa essere stata inventata proprio a Giethoorn, per poi diffondersi in tutto il resto del mondo.

Niente strade ma molti ponti

Niente strade ma molti ponti

Si sa però, dove ci sono imbarcazioni e canali ci sono anche ponti, 167 per la precisione, e per fare la spesa questi cittadini-marinai devono per forza di cose passare sotto i vigili occhi delle innumerevoli guardie, il cui compito è gestire il traffico su acqua, senza le quali il paese si fermerebbe. In un giorno abbastanza trafficato infatti il ponte mobile principale della città si alza quasi 300 volte.

Giethoorn, chi ha bisogno di strade?

Perfino i vigili del fuoco sono attrezzati con una imbarcazione, senza la quale molti luoghi della città sarebbero irraggiungibili, anche se gli incendi non sono certo il primo problema che la squadra del paese deve affrontare: annegamenti e barche che affondano sono pericoli più probabili.

Insomma, chi ha bisogno di strade?

Fonti: darlin.it – wikipedia.org – youtube.com – the Great Big Story

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.