AmbienteEcologiaHot Topic

Enorme buco in Antartide: il mistero delle «polinie» giganti

È comparsa una voragine tra i ghiacci, un enorme buco in Antartide così ampio che gli scienziati non sanno cosa potrebbe averlo causato. Di soliti si chiamano polinie, ma questo è un caso mai visto.

Più grande dell’Olanda, qualcosa come una manciata delle regioni più grandi d’Italia. Sono queste le dimensioni del buco in Antartide, comparso gli scorsi giorni. È il secondo anno che si ripresenta questo fenomeno, conosciuto dagli scienziati come polinie, letteralmente delle voragini tra i ghiacci, ma mai prima d’ora si era presentata così estesa. Un quarto dello stivale sembra essere scomparso tra i ghiacci e nessuno sa il motivo.

Ghiaccio in Antartide

Non è la prima volta

Se non fosse stato per i satelliti che fanno la guardia alle enormi banchise di ghiaccio del gelido continente non l’avremmo mai vista, tanto è distante dalla costa – potete osservarlo nell’immagine qui sotto. Eppure è il secondo anno che il fenomeno si ripresenta e se a grande linee il meccanismo è conosciuto non ci si spiega esattamente quale possa essere l’origine.

L'estensione del buco nel ghiaccio

Il termine polinia infatti si indica una zona di acqua marina completamente circondata dalla banchisa ed è stata più volte osservata dagli scienziati. Il fenomeno è stato spiegato con una corrente di acqua calda allineata con un preciso punto della superficie, sotto i ghiacci, qualcosa che capita spesso tra Canada e Groenlandia.

Ma qui si parla di oltre 80000 chilometri di estensione, un buco in antartide comparso per la prima volta probabilmente negli anni ‘70, ricoperto e sparito per oltre quarant’anni, fino all’anno scorso. Nonostante la cronologia ormai relativamente più fitta gli scienziati non riescono a trovarne l’origine. Qualcuno è corso velocemente alla conclusione che sia stata colpa del cambiamento climatico, ma gli esperti dicono che è troppo presto per potersi esprimere con sicurezza.

Enorme buco in antartide: il mistero delle «polinie» giganti

Quel che è certo è che le polinie in Antartide possono cambiare l’intero clima globale, ghiaccio sciolto vuol dire temperature più basse, che a loro volta causano contrasti più accentuati tra la temperatura atmosferica e l’oceano. Questa differenza può innescare dei meccanismi viziosi per cui le voragini diventano ogni anno più estese. Di positivo rimane un fatto però: rispetto alla sua prima osservazione oltre quarant’anni fa abbiamo un’enorme quantità di dati da analizzare, questa volta forse potremmo trovare una risposta in tempo.

Fonti: motherboard.vice.com – focus.it – NASA/University of Bremen – National Geographic

Matteo Buonanno Seves
Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.