AttualitàCosmesiCulturaLifestyle

Cosmetici vegan e cruelty free, qual è la differenza?

Probabilmente non è chiara qual è la differenza tra cosmetici vegan e cruelty-free, poiché spesso sono erroneamente usati in modo intercambiabile.

Sempre più frequenti, anche in ambito cosmetico, le diciture vegan e cruelty free, che spesso però non sono chiare ai più. Qual è infatti la differenza tra le due?

Cosmetici vegan e cruelty free differenza

I cosmetici vegan

Vegan significa che un cosmetico non contiene prodotti di origine animale o ingredienti derivati dal mondo animale. Esso descrive, quindi, i componenti e non il processo di produzione. I cosmetici che, perciò, recano solo la dicitura vegan possono essere stati testati su animali.


Recenti ricerche di mercato rileverebbero aumenti nelle vendite di cosmetici vegan soprattutto grazie ai giovani dai 16 ai 34 anni, che parrebbero più sensibili al tema.

I cosmetici cruelty free

La dicitura cruelty free associata ai cosmetici significa che gli ingredienti / componenti e il prodotto cosmetico finale non sono stati testati sugli animali. La dicitura cruelty free si riferisce, perciò, al processo produttivo / di test, non agli ingredienti, il che significa che è possibile che un prodotto cruelty free contenga ingredienti non vegani, come, ad esempio, miele, cera d’api o albumina.

Vegan e cruelty free, alcune cose da ricordare

  • Importante verificare su confezioni ed etichette che le rivendicazioni, come appunto vegan e cruelty free, siano certificate da organizzazioni ed enti accreditati.
  • Le indicazioni vegan e cruelty free non garantiscono necessariamente che prodotti cosmetici ed ingredienti degli stessi siano completamente naturali, sicuri o sostenibili; è, quindi, comunque necessario leggere attentamente quanto riportato su confezioni e contenitori per essere sicuri di non ritrovare all’interno dei cosmetici scelti sostanze potenzialmente dannose.
  • Le indicazioni vegan e cruelty free non hanno alcuna attinenza con gli imballaggi dei cosmetici; importante, quindi, verificare anche la composizione e la sostenibilità di confezioni e contenitori (ad esempio, materiale e riciclabilità dello stesso).
  • Le indicazioni vegan e cruelty free non tengono in considerazione chi e in che modo ha procurato e lavorato gli ingredienti dei prodotti cosmetici; bene, quindi, verificare se l’azienda si impegna a rispettare standard di lavoro trasparenti e se, ad esempio, è dotata della certificazione del commercio equo e solidale.

Compresa qual è la differenza tra vegan e cruelty free, il suggerimento è verificare sempre con attenzione la presenza delle due diciture, la certificazione delle stesse e porre attenzione anche alla sostenibilità di ingredienti, prodotti e confezioni.

Documentarsi online prima di recarsi in negozio o acquistare sul web potrebbe essere la scelta vincente.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.