AttualitàEcologiaLifestyle

Come non sprecare acqua in casa: ecco alcuni consigli

Di fronte a una siccità sempre più intensa, non sprecare acqua in casa non è solo una questione di risparmio ma anche di necessità.

Poca neve durante l’inverno, zero precipitazioni e un caldo torrido: è la combinazione letale che sta mettendo in difficoltà le riserve idriche. I lunghi periodi di siccità stanno rendendo evidenti una verità che fino ad ora era facile ignorare: l’acqua è un bene prezioso e, purtroppo, sempre più raro. Il risparmio della risorsa idrica inizia dalle piccole azioni che compiamo tutti i giorni e sebbene possano sembrare cose da poco conto, la loro azione combinata permetterà di non sprecare acqua in casa.

non sprecare acqua
Foto: Balouria Rajesh @Pixabay

Come non sprecare l’acqua in bagno

Ecco alcune azioni che è possibile intraprendere per non sprecare acqua in bagno:

  • Chiudi il rubinetto mentre ti lavi i denti o il viso o quando ti radi: sembra un gesto semplicissimo ma può far risparmiare fino a 12 litri di acqua ogni volta che ti lavi i denti. Se poi in famiglia siete più di una persona, il risparmio si moltiplica. Considerando che l’ideale sarebbe lavarsi i denti almeno 2 volte al giorno vuol dire almeno 24 litri risparmiati.
  • Fai una doccia breve invece di un bagno: una doccia breve di massimo 5 minuti consuma solo un terzo dell’acqua utilizzata per fare un bagno. Certo, una lunga doccia può essere un ottimo modo per rilassarsi ma in condizioni di necessità sarebbe meglio trovare soluzioni che sprecano meno.
  • Chiudi l’acqua mentre ti insaponi sotto la doccia: allo stesso modo di chiudere il rubinetto mentre ci si lava i denti è un gesto tanto semplice quanto essenziale per non sprecare acqua in bagno.
  • Utilizza un soffione della doccia a basso consumo: in commercio esistono soffioni della doccia in grado di garantire un getto forte e diffuso anche senza dover aprire la massimo l’acqua. Un soffione a basso consumo può addirittura dimezzare i consumi di acqua di una doccia che si aggirano, in genere, attorno ai 12 litri / minuto.
  • Utilizza uno sciacquone a basso consumo: così come per la doccia anche il water consuma grandi quantità di acqua, fino ai 13 litri per sciacquo. Uno sciacquone a basso consumo può tagliare gli sprechi utilizzando fino a 4 litri per sciacquo. È una quantità sufficiente per la maggior parte dei casi.

Come non sprecare l’acqua in cucina

Anche la cucina può essere un luogo dove, con alcune accortezze è possibile non sprecare acqua:

  • Acquista elettrodomestici a basso consumo: Lavatrici e lavastoviglie consumano grandi quantità di acqua. Gli elettrodomestici di ultima generazione sono sempre più efficienti. Se i tuoi elettrodomestici cominciano ad essere vecchi, potrebbe essere il momento perfetto per cambiarli.
  • Fai solo carichi completi di lavastoviglie e lavatrici: anche in modalità a carico ridotto, sia lavatrice che lavastoviglie consumano grandi quantità di acqua. A carico completo la quantità di acqua in relazione alle stoviglie e agli indumenti lavati è ottimale.
  • Sbuccia e lavate frutta e verdura in una ciotola d’acqua invece che sotto acqua corrente: un altro piccolo accorgimento per non sprecare nemmeno una goccia d’acqua. L’acqua raccolta nella ciotola può poi essere riutilizzata ad esempio per dare da bere ai fiori e alle piante di casa.
  • Cuoci le verdure a vapore invece che bollirle: cuocere a vapore invece che bollire permette non solo di risparmiare acqua ma anche di preservare meglio i nutrienti. Se invece è necessario bollire, allora recuperare l’acqua usata per bollire invece che scolarla direttamente nel lavabo.

Come non sprecare l’acqua in giardino

Anche il giardino è un ottimo luogo dove con alcuni accorgimenti si possono tagliare gli sprechi:

  • Scegli piante e prato che richiedono poca irrigazione: l’ideale per un giardino è evitare di annaffiare costantemente. Diversi specie di piante ed erba sono l’ideale per climi secchi e richiedono poca acqua.
  • Annaffia con un annaffiatoio: invece che con un irrigatore o con la canna dell’acqua, nei periodi di grande siccità scegliere un annaffiatoio a mano può far risparmiare una notevole quantità d’acqua, annaffiando piante e fiori esattamente dove e quanto serve.
  • Lascia il prato più lungo: invece di tenere l’erba cortissima, lasciare che il prato cresca un paio di centimetri in più aiuterà il terreno a trattenere più fresco e più umidità grazie alla maggiore ombreggiatura.
  • Poni pacciame sul prato e tra le piante: durante i periodi di siccità è possibile lasciare che il prato si secchi e diventi marrone. Inoltre lasciare uno strato di pacciame come ad esempio trucioli di corteccia, composto o paglia rallenta l’evaporazione dell’umidità del suolo riducendo la necessità di annaffiare.
  • Raccogli l’acqua piovana: in periodo di scarse precipitazioni, ogni goccia che scende dal cielo è fondamentale. È buona idea quindi tenere sempre a portata di mano bacinelle o recipienti in grado di raccogliere tutta l’acqua piovana possibile da poter riutilizzare per il giardino.
blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.