AttualitàLifestyle

Cicloturismo: come organizzare una vacanza su due ruote

L’idea di affidarvi al cicloturismo per le vostre prossime vacanze vi stuzzica da tempo ma non sapete da che parte iniziare? Ecco qualche informazione utile per capire come organizzare una vacanza su due ruote.

Il cicloturismo è un modo green e slow di affrontare le vacanze, lontani dalla frenesia e dal turismo di massa. È anche un modo economico di viaggiare, ma per accostarvisi occorre non solo avere uno spirito green, ma anche una grande adattabilità alle situazioni impreviste e tanta curiosità di scoprire luoghi nuovi attraverso itinerari poco battuti. Non occorre tuttavia essere particolarmente allenati, anche se è consigliata qualche uscita di prova prima di decidere se la vacanza su due ruote fa al caso vostro.

cicloturismo vacanze due ruote

Cicloturismo: come e dove

Fatte le dovute considerazioni, avete finalmente deciso di partire in bicicletta. Resta da chiarire dove andare e decidere l’itinerario. Se siete alla prima esperienza, il modo migliore per accostarsi a questa tipologia di turismo è affidarsi a un tour organizzato che si occupa del supporto logistico (trasferimento bagagli ed eventuali guasti) e vi permette di godervi alla leggera, in tutti i sensi, la pedalata. Il passo successivo è dato dallo spostamento in treno e in bici che vi permetterà di raggiungere più velocemente percorsi lontani da casa. Itinerari unicamente su due ruote, a meno di grandi disponibilità di tempo, sono possibili unicamente in Italia. Potete scegliere uno degli itinerari proposti da Bicitalia, associata con la grande Eurovelo, la rete europea di percorsi ciclabili.

Cicloturismo come e dove

LEGGI ANCHE: Europa in bicicletta: dove, come e quando

Scelta la destinazione occorre studiare l’itinerario. Tenete presente che la velocità media a cui vi troverete a viaggiare è di circa 15 km/h e comprende le soste fotografiche e quelle ristoro. Vivete il cicloturismo non come una competizione quanto più come un modo lento per affrontare le vacanze. Prima di partire quindi informatevi su tutto quanto possibile: chilometraggio effettivo, altimetria, tipo di fondo (sterrato, asfaltato, misto), possibilità di pernottamento. Lasciate al caso il meno possibile così da evitare di dover affrontare troppi imprevisti. Per la definizione dell’itinerario affidatevi a mappe specifiche, a tracce GPS rese disponibili dai siti web dedicati ed evitate Google Maps per quanto possibile.

Dove dormire quando si viaggia in bici?

Un ulteriore ostacolo da superare è il pernottamento. Potete scegliere se dormire in tenda, sicuramente suggestivo ma comporta un carico di peso extra senza contare il tempo necessario alle operazioni di montaggio e smontaggio, rivolgervi agli ostelli, perfetti soprattutto se viaggiate da soli per conoscere altri avventurieri, ai Bed and Breakfast oppure alla community di Warmshowrs che offre ospitalità ai cicloturisti. È possibile affidarsi anche ai bike hotel strutture che offrono servizi speciali ai viaggiatori su due ruote. In tal caso però i costi cominciano a salire e ci si discosta dall’idea iniziale di turismo economico.

dove dormire viaggi bici

Vacanze in bici e bagagli

Sappiamo dove andare, come muoverci e dove dormire. Non resta che fare i bagagli. Come è facile intuire, la valigia non è contemplata nel cicloturismo e non lo è nemmeno lo zaino da spalla. Per una vacanza su due ruote occorre dotare la bicicletta di portapacchi e munirsi di particolari borse da viaggio. Un modo più leggero di viaggiare è dato dai bikepacking, ossia borse adatte a essere fissate direttamente al telaio della biciletta perfette per sentieri e sterrati.

La scelta poi di cosa portare va da persona a persona e quando vi renderete conto del poco spazio a disposizione sarete in grado di capire da soli cosa serve davvero e cosa no. Non dimenticate un kit di riparazione per le gomme, la crema solare e una power bank. Caschetto, giubbotto rifrangente, specchietto retrovisore sono caldamente consigliati per la vostra incolumità sebbene in Italia non esista ancora una normativa a riguardo. Per quanto concerne l’abbigliamento, scegliete un tessuto tecnico di alta qualità, soprattutto per il fondello, e munitevi anche di impermeabili in caso di pioggia.

Ora che avete raccolto il grosso delle informazioni, non vi resta che iniziare a progettare la vostra prossima vacanza di cicloturismo!

blank

Dopo una Laurea in Ingegneria mi sono allontanata dai numeri e avvicinata a nuove forme di espressione, come la fotografia e la scrittura. Il mio blog, Il Cucchiaio Verde, racchiude entrambe le passioni e ha come filo conduttore uno stile di vita vegetariano.