ChefItinerari

Chi è Riccardo Monco, lo chef della Enoteca Pinchiorri

Lo chef Riccardo Monco dell’Enoteca Pinchiorri, ristorante tre stelle Michelin famoso in tutta Italia, è un membro fondamentale della squadra che affianca da quando ha 25 anni.

Riccardo Monco è primo chef dell’Enoteca Pinchiorri, un locale che conosce da oltre 25 anni e che oggi guida con sicurezza e determinazione, difendendo la nomea di uno dei preziosi ristoranti 3 stelle Michelin d’Italia. La sua cucina è precisa, ricerca allo stesso tempo creatività e continuità, senza mai dimenticare l’obiettivo più importante a questo livello: la perfezione.

Riccardo Monco enoteca pinchiorri
Foto da Facebook

Chi è Riccardo Monco

Riccardo Monco nasce a Milano nel 1972 e, fin dalla giovane età, i suoi studi lo conducono verso una professione legata al mondo del cibo e della cucina. Comincia con la Scuola Alberghiera «Carlo Porta» e poi comincia a girare in diversi ristoranti in Italia e nel resto del mondo. Il percorso formativo di Riccardo Monco è passato da «La Locanda dell’Angelo», guidata dallo chef Angelo Paracucchi, da «Joia» di Pietro Leemann e da «Lucas Carton», nella capitale francese con lo chef Alain Senderens.

All’Enoteca Pinchiorri, uno dei ristoranti più famosi di Firenze, ci arriva a all’inizio come capo partita per poi diventare primo chef nel 1993. Ad oggi sono più di 25 anni che lo chef guida con sicurezza la brigata ai fornelli, e il ristorante può ancora vantare il massimo riconoscimento quando si tratta di locali: le 3 stelle Michelin.

L’Enoteca Pinchiorri

Il ristorante Enoteca Pinchiorri è considerato tra i migliori non solo nel nostro paese ma anche nel resto del mondo. Ha vinto la sua prima stella Michelin nel 1982 e l’anno successivo ha vinto la seconda, che ha difeso fino al ‘93, quando ha preso la terza stella. Un premio che, però, è durato fino all’anno successivo.

Enoteca Pinchiorri
Foto da Facebook

Solo nel 2004 la squadra dell’Enoteca Pinchiorri è riuscita nuovamente a mettere le mani sulla terza stella, ma da quel momento non l’ha più lasciata. È stato fondato da Giorgio Pinchiorri e sua moglie, Annie Féolde, di origine francese. Fu lei a occuparsi inizialmente della cucina, continuando poi anche negli anni successivi, arrivando ad affiancare anche lo stesso Riccardo Monco.

La cucina di Riccardo Monco all’Enoteca Pinchiorri

La cucina dell’Enoteca Pinchiorri è ciò che rende questo locale veramente inimitabile: è caratterizzata da uno stile moderno, il cui scopo è stare in equilibrio tra avanguardia e tradizione, che non cede alle contaminazioni e non tradisce l’origine italiana, e, in particolare, la cucina toscana.

La materia prima è di fondamentale importanza, non solo nella cucina in sé ma anche da un punto di vista ambientale, motivo per cui la biodiversità è un tema importante per la squadra dell’Enoteca Pinchiorri: aiuta ad essere originali in cucina ed è amica della natura. C’è un concetto che torna spesso quando si parla della cucina di questo ristorante: coralità. Non c’è nessuna personalità nella cucina o fuori che possa travolgere le altre, motivo per cui il ristorante è riuscito a mantenere una sua forte identità.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.