AmbienteEcologiaHot Topic

Carburante dai rifiuti organici, il progetto di SEAT per ridurre la CO2

A breve le automobili potrebbero viaggiare grazie al carburante prodotto dai rifiuti organici, lo dimostra un progetto SEAT pensato per ridurre le emissioni di CO2.

Si chiama Life Methamorphosis e potrebbe essere un nuovo riferimento per la produzione di carburante dai rifiuti organici, un progetto di SEAT in collaborazione con il Comune di Barcellona che mira a ridurre drasticamente le emissioni di CO2 delle vetture fino all’80%.

carburante rifiuti organici SEAT
Foto di Volkswagen Group

Biometano, il carburante dai rifiuti organici

Produrre carburante dai rifiuti organici è possibile, lo dimostra il nuovo progetto SEAT in collaborazione con il Comune di Barcellona. Biometano ricavato dagli scarti che potrebbe diventare un importante tassello della mobilità di domani. A giovarne le emissioni di CO2 che con questo processo vengono ridotte fino all’80% rispetto ai carburanti fossili. La Casa Spagnola, oggi appartenente al Gruppo Volkswagen, si è messa in gioco per dare vita al progetto Life Methamorphosis che parte dall’assunzione che solo il 40% dell’1,5 kg di rifiuti prodotti giornalmente da ogni abitante della città di Barcellona viene riciclato. L’idea prevede di sfruttare la parte organica di questa immensa mole per produrre biometano.

biometano carburante rifiuti organici
Foto di Volkswagen Group

La produzione di carburante dai rifiuti organici, stoccati nell’impianto Ecopark 2, è resa possibile dall’utilizzo di un particolare digestore anaerobico, una struttura in cui i batteri, in assenza di ossigeno, degradano la materia organica rilasciando una miscela di gas composta per il 65% da metano. Da questa, dopo un processo di raffinamento, si ottiene del metano – o meglio, biometano – perfettamente utilizzabile per le automobili, all’interno della rete di distributori già presente. Mentre lo scarto solido del processo potrà essere impiegato come fertilizzante. SEAT, dal canto suo, sta già effettuando dei test tecnici sui suoi modelli Leon e Arona per mettere a punto l’efficienza dei motori alimentati a metano.


Per ora l’impianto produce solo la quantità di carburante dai rifiuti organici sufficiente per i test, tuttavia, a pieno regime, si potrebbe ottenere tanto biometano da permettere a 3.570 SEAT Leon di compiere ogni anno il giro del mondo.

blank
Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.