AnimaliAnimali selvatici

Il canto dell’ape regina a cosa serve?

Il canto dell’ape regina è in grado di influenzare il comportamento delle altre api dell’alveare e di attrarre i fuchi necessari alla sopravvivenza della specie.

Con canto dell’ape regina, si intende il particolare suono che l’ape è in grado di emettere sin dai primi momenti della sua nascita.

Il suono emesso è differente se si tratta di una ape regina adulta, oppure di una regina giovane che non ha ancora deposto uova.


Secondo una recente ricerca, il momento in cui le api regine cantano maggiormente è quando ci sono nell’alveare più di una ape regina contemporaneamente.

Il canto, in questo caso, è una forma di avvertimento verso le altre api regine concorrenti. In altri casi, invece, il canto è una forma di comunicazione diretta verso le api operaie ed i fuchi dell’alveare, al fine di ottenere da loro una particolare attenzione.

ape regina canto

Il canto dell’ape regina è senza dubbio una straordinaria invenzione della natura. L’ape regina è, infatti, l’insetto più importante dell’alveare e la sua esistenza è il presupposto essenziale perché possano esistere le api.

L’Ape regina a cosa serve?

Per cominciare, si può dire che l’ape regina è l’insetto più grande e più longevo dell’alveare e che il suo compito principale è quello di deporre le uova necessarie a garantire la sopravvivenza della specie.

L’ape regina è servita e protetta da un gruppo di fedelissime api, che si occupano di ogni sua esigenza, incluso il suo nutrimento.

L’ape regina è l’unica ape dell’alveare che si nutre per tutta la sua vita esclusivamente con pappa reale. Tra i principali compiti dell’ape regina c’è quello di deporre le uova, che possono essere fino a 2.000 al giorno per tutta la durata della sua vita.

Dalle uova fecondate potranno nascere api operaie oppure nuove api regina, mentre da quelle non fecondate nasceranno i fuchi che sono i maschi dell’alveare.

Ciò che permette ad una larva di diventare una nuova ape regina, piuttosto che una semplice ape operaia, è un vero modello di democrazia.

Tutto dipende, infatti, da quello che l’alveare decide: se le api dell’alveare percepiscono che l’ape regina stia arrivando al termine della sua vita, allora le api operaie cominciano a nutrire con solo pappa reale alcune larve fino al termine della loro gestazione.

In questo modo quelle larve diverranno nuove ape regine in grado poi di combattere tra loro per prendere il comando dell’alveare.

Un alveare può, in alcuni casi, allevare contemporaneamente fino a 30 nuove api regine, che poi combatteranno tra loro fino a che non ne resterà una sola oppure fino a che alcune di loro non decidono di abbandonare l’alveare, assieme ad un gruppo di api fedeli al loro seguito.

Le api regine emettono un canto del tutto speciale con molteplici significati, tutti utili al funzionamento dell’alveare e alla continuazione della specie.

Le api oltre ad essere degli insetti fondamentali per l’equilibrio dell’ecosistema mondiale si dimostrano così anche delle organizzazioni perfettamente ordinate come dei piccoli regni, governati da una vera e propria ape regina.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.