AttualitàChefLifestyle

Chi è Antonia Klugmann, il nuovo giudice di MasterChef e la sua cucina naturale

MasterChef sceglie Antonia Klugmann per rilanciare il programma. Il nuovo giudice saprà conquistarvi con la sua cucina naturale e anti-spreco.

La settima edizione di MasterChef Italia avrà una nuova protagonista: Antonia Klugmann. Non estranea alla televisione – con una comparsa alla Prova del Cuoco dove vinse il torneo esordienti – Antonia Klugmann affiancherà Antonino Cannavacciuolo, Bruno Barbieri e Joe Bastianich nella conduzione del programma. Ma chi è Antonia Klugmann e come è arrivata nella giuria del talent cult di Sky? Conoscete la sua cucina naturale?

Chi è Antonia Klugmann, il nuovo giudice di MasterChef e la sua cucina naturale

Antonia Klugmann, una chef per caso

Ecco l’identikit di Antonia Klugmann: 38 anni, triestina, una stella Michelin appuntata sul suo ristorante, l’Argine di Vencò, ed una cucina fortemente ispirata alla natura e al territorio. Tornando indietro di qualche anno, tutto avrebbe pensato fuorché fare la cuoca. Tantomeno diventare il nuovo giudice di MasterChef. L’incontro con la cucina è stato un caso. Un colpo di fulmine. Antonia era iscritta alla facoltà di Giurisprudenza; a 25 anni, a seguito di un’incidente stradale, ha tramutato la convalescenza nell’occasione della vita. In passato aveva frequentato un corso di cucina alla scuola Altopalato di Milano e fatto degli stage, ma solo nel momento in cui non poteva cucinare ha sentito la vocazione. Ed è così che una passione si è tramutata in lavoro.

Antonia Klugmann, una chef per caso

Dopo una prima esperienza all’Harry’s Grill di Trieste, nel 2006, assieme al compagno Romano De Feo, Antonia Klugmann apre l’Antico Foledor Conte Lovaria a Pavia di Udine. Dopo quattro anni, sceglie di spostarsi in Laguna, dove lavora per importanti ristoranti come il Ridotto e il Venissa. Nel 2014 avviene la svolta: un ritorno alle origini. Apre l’Argine a Vencò, un piccolo ristorante con soli 15 coperti a Dolegna del Collio in provincia di Gorizia, vicino al confine con la Slovenia. Nella sua terra può esprimere sé stessa e, a pochi mesi dall’apertura, conquista la sua prima stella Michelin.

Il segreto del successo: una cucina «ispirata dalla natura»

La carriera di Antonia Klugmann è stata rapida e ricca di successi ed il segreto è nella sua cucina naturale. Nell’anno di convalescenza, per la rieducazione, Antonia ha camminato tanto per la campagna. Non poteva cucinare, ma poteva immaginare. In campagna scopre le erbe, le bacche, i fiori e decide che saranno gli ingredienti per dare un’impronta unica alla sua cucina.

L’Argine a Vencò è oggi un punto di riferimento per chi ama la cucina vegetariana e vegana, ovviamente di gran classe, ma anche di territorio, di carne, di bosco. Gli abbinamenti sono tanto arditi, quanto meticolosamente studiati, fortemente permeati dalla natura. Tutto lo staff viene coinvolto nella ricerca, nella coltivazione e nella raccolta della materia prima, in una sorta di corso di botanica infuso nella cucina. Un dovere che li impegna per oltre due ore al giorno, dove umiltà e disciplina sono anch’essi ingredienti del piatto.

Quella di Antonia Klugmann è una cucina «ispirata dalla natura», che ripudia anche i più leggeri sprechi. Un esempio su tutti il piatto presentato all’ultimo congresso di Identità Golose, in cui il protagonista fu un cuore di finocchio, cotto nel suo stesso brodo. Per la presentazione la chef stellata lo adagiò su una purea ottenuta dagli scarti, condito con un filo di olio di liquirizia estratto a caldo ed infine guarnito con i suoi stessi gambi affettati.

Dietro quel viso tenero, il nuovo giudice di MasterChef Italia nasconde non solo un carattere forte, ma un’identità culinaria convinta e decisa. La controparte femminile della giuria saprà conquistare i telespettatori; meno forse i concorrenti, a cui sicuramente darà del filo da torcere.

Fonti: largineavenco.it

blank
Laureato in Lettere ad indirizzo giornalistico e copywriter di professione, ha abbandonato la penna in favore di forchetta e tastiera. Buongustaio, amante della natura e dei sapori, vuole dire la sua nel mondo del food.