AmbienteAttualità

Airbus pubblica tre concept per nuovi aerei a zero emissioni

Il più grande produttore europeo di aerei ha presentato i progetti per velivoli commerciali a idrogeno. Potrebbero entrare in servizio già nel 2035

Airbus vuole costruire i primi aerei commerciali a zero emissioni del mondo. Il più importante produttore europeo di velivoli ha svelato i concept di tre mezzi che funzioneranno a idrogeno e che potrebbero entrare in servizio addirittura già nel 2035. I progetti, spiega la società, esplorano varie soluzioni tecnologiche e configurazioni aerodinamiche per decarbonizzare il settore dell’aviazione civile.

Airbus aerei idrogeno

LEGGI ANCHE: Quanto inquina un volo in aereo?

Le caratteristiche dei tre aerei

I tre modelli fanno parte di una nuova generazione di aerei chiamata “ZEROe”. L’alimentazione a idrogeno, secondo Airbus, è una soluzione che offre buone premesse sia per le aziende del comparto, sia per altri settori che stanno cercando di abbandonare i combustibili fossili per abbattere le emissioni e contrastare i cambiamenti climatici

I mezzi presentati da Airbus sono::

  • un aereo con motore turbofan con una capienza di 120-200 passeggeri e un’autonomia di oltre 2mila miglia nautiche (circa 3.700 km), in grado di operare su rotte transcontinentali; è dotato di un motore a turbina a gas modificato, alimentato con idrogeno pescato da un serbatoio posizionato dietro la paratia posteriore pressurizzata;
  • un modello a turboelica con capienza fino a 100 passeggeri sempre con un motore a turbina a gas modificato alimentato a idrogeno che può viaggiare oltre le 1.000 miglia nautiche, adatto a rotte medio-corte;
  • infine, un aereo dal corpo molto più largo (nella foto qui sopra) in cui le ali, a differenza dei modelli classici, sono meno lunghe e più compattate al resto del velivolo, struttura che lascia spazio a diverse opzioni per il posizionamento del serbatoio dell’idrogeno e della cabina passeggeri; ha la stessa autonomia del modello turbofan ed è in grado di trasportare fino a 200 persone.

Come cambierà il settore

Se diventerà realtà, la rivoluzione a idrogeno del settore aviazione richiederà grandi cambiamenti, soprattutto negli aeroporti. Qui saranno necessarie nuove infrastrutture per il trasporto e per il rifornimento quotidiano dei velivoli in servizio. In quest’ottica, Airbus vede come decisivo il supporto dei governi dai quali dovrebbero arrivare finanziamenti per la ricerca, le nuove tecnologie, la digitalizzazione e a quelle iniziative che incoraggiano l’uso di carburanti sostenibili e il rinnovamento delle flotte. Politiche grazie alle quali le compagnie aeree potranno ritirare i loro mezzi più vecchi e più inquinanti.

Il potenziale dell’idrogeno

L’obiettivo di Airbus è diventare leader nella transizione dai combustibili fossili e favorire un cambiamento di tutto il settore. “Credo fermamente che l’uso dell’idrogeno, sia nei combustibili sintetici, sia come fonte di energia primaria per i voli commerciali, abbia il potenziale di ridurre significativamente l’impatto sul clima del settore”, ha detto Guillaume Faury, Ceo di Airbus.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.