AmbienteEcologia

Accordo Uber e Nissan per una mobilità sostenibile

Siglato un accordo tra Uber e Nissan per rendere la mobilità più sostenibile a Londra entro il 2025 dotando tutti gli autisti di un veicolo elettrico Nissan Leaf.

Un passaggio naturale quello che ha dato vita all’accordo tra Uber e Nissan in favore della mobilità sostenibile. Il progetto punta a fornire agli autisti Uber londinesi una Nissan Leaf, la più nota auto elettrica del marchio, a prezzi agevolati. L’azienda di mobilità che da qualche anno si sta affiancando al tradizionale servizio di taxi, mettendo in collegamento diretto autisti e viaggiatori tramite app, punta a una svolta green e il sodalizio con Nissan potrebbe essere la chiave.

accordo Uber Nissan

Il programma mira a ridurre le emissioni dei veicoli Uber entro il 2025, il Clean Air Plan lanciato nel 2019, l’acquisto dei veicoli coinvolgerà l’intera community di autisti londinesi, pari circa a 45.000 conducenti.

Una Nissan Leaf per gli autisti Uber

Un accordo quello tra Uber e Nissan finalizzata a rendere possibile il passaggio a una mobilità a zero emissioni, già dal 2019 i clienti Uber londinesi pagano un sovrapprezzo di 15 penny al miglio, pari a 11 centesimi al chilometro, permettendo agli autisti di risparmiare sull’acquisto di un veicolo elettrico Nissan mediamente 4.500 sterline. A oggi sono state raccolte più di 80 milioni di sterline ma si prevede di arrivare a 200 milioni nei prossimi anni. Una volta avvenuto il passaggio a veicolo elettrico, la sovrattassa servirà ad affrontarne le spese di mantenimento.

Nonostante il rincaro delle tariffe, si è calcolato che nel 2019 oltre 900.000 corse sono avvenute a bordo di auto elettriche con un incremento del 350% rispetto all’anno precedente. La Nissan Leaf di Uber, prodotta nel Sunderland, avrà un’autonomia garantita di 270 km a carica completa e una potenza di 40 kWh. Inoltre, l’accordo tra Uber e Nissan prevedrà un programma formativo sui veicoli elettrici, uno schema di incentivi e un piano di marketing a supporto dell’iniziativa. C’è da dire che Londra si è dimostrata molto ricettiva nei confronti della mobilità sostenibile, attrezzando oltre 1.000 punti di ricarica, 400 dei quali pubblici e riducendo il numero di stazioni di servizio per veicolo in maniera drastica (sono quasi la metà rispetto alle Highlands scozzesi).


Dal lancio nel lontano 2010, la Nissan Leaf è stata la prima vettura elettrica di massa e ha venduto in tutto il mondo oltre 450.000 unità. Non resta che attendere che questa iniziativa promossa dall’accordo tra Uber e Nissan coinvolga anche le nostre città, portandole a una mobilità sostenibile e green.

blank
Dopo una Laurea in Ingegneria mi sono allontanata dai numeri e avvicinata a nuove forme di espressione, come la fotografia e la scrittura. Il mio blog, Il Cucchiaio Verde, racchiude entrambe le passioni e ha come filo conduttore uno stile di vita vegetariano.