Cibi etniciDolci & PasticceriaFood

La cheesecake giapponese troppo bella per essere mangiata

Non troppo lontano dalla stazione di Osaka c’è un negozio che vende le migliori cheesecake di tutto il giappone, torte dal marchio inconfondibile che hanno conquistato anche il resto del mondo.

Da tempo anche qui in Italia le cheesecake stanno registrando grandi successi, un po’ per il loro sapore delizioso, un po’ per la ricetta con ingredienti semplici, ma soprattutto per l’incredibile facilità di preparazione. Ma la torta di cui vi raccontiamo oggi non è come tutte le altre, anzi, da molti è considerata la cheesecake più buona di tutto il Giappone, e in assoluta la più bella che esista al mondo. Molti la conoscono come fluffy o cotton cheesecake, ma quella di Rikuro ha un marchio inconfondibile.

La cheesecake giapponese troppo bella per essere mangiata

27 anni di torte

È soprannominato Uncle Rikuro – zio Rikuro – l’uomo dietro a queste torte ballerine. Sono 27 anni che questo piccolo locale, il Rikuro Ojisan, vende questa particolare cheesecake, un vero esempio di reinterpretazione asiatica di un cult d’oltreoceano. Il marchio è unico nel suo genere e la leggenda vuole che ritragga proprio il volto del famoso zio, anche se le sembianze occidentali non sono proprio a favore di questa teoria.

27 anni di torte

Il sapore e la consistenza sono unici, basti pensare che normalmente questo tipo di torta risulta essere così dolce da stufare in fretta il palato dei meno amanti dei dessert, mentre questa torta ha tutt’altra filosofia. La quantità di zucchero è molto limitata e la consistenza molto più ariosa, tanto che in molti si sono trovati a divorare queste soffici prelibatezze tutte in una sola sessione. Salvo poi dover gestire degli inevitabili sensi di colpa.

Cheesecake giapponese

L’idea di rendere più asiatico il dolce, però, potrebbe essere arrivata da un altro «zio»: Uncle Tetsu nel 1948 ebbe per primo l’idea di avvicinare la torta americana al palato dei suoi connazionali. Così diminuì la quantità di formaggio e zucchero, lasciando che la sua creazione gastronomica si avvicinasse più a una omelette molto soffice. Fu nel 2011 invece che il successo di questa creazione divenne globale, con negozi in tutto il mondo a diffondere la nuova filosofia della cheesecake giapponese.

Fonti: businessinsider.com – natthayac.blogspot.it – youtube.com

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari riguardo il complicato mondo dell’alimentazione.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi