ChefItinerari

Daniela Soto-Innes, la migliore chef donna del mondo

La chef Daniela Soto-Innes, è la più giovane a essere stata premiata come migliore chef donna del mondo 2019. È impegnata al Cosme di New York, dove mette a punto piatti messicani indimenticabili.

Daniela Soto-Innes, ad appena 28 anni, è stata nominata migliore chef donna del mondo per l’anno 2019, un riconoscimento assegnato dal World’s 50 Best, che promuove iniziative come la classifica The World’s 50 Best Restaurants. La chef di origine messicana oggi lavora nel ristorante Cosme, assieme allo chef Enrique Olvera, locale che ha aiutato a fondare, in cui prende vita la sua filosofia di cucina, incentrata sulla spensieratezza e felicità ai fornelli.

Daniela Soto-Innes
Foto di Singapore Tatler

LEGGI ANCHE: Chef donne: solo il 4% la quota rosa nelle cucine stellate

Chi è Daniela Soto-Innes

La vita di Daniela Soto-Innes, come quella di molti altri chef professionisti, è gravitata attorno al cibo fin dalla tenera età. Lei stessa racconta di come tra i primi ricordi dell’infanzia ci siano i pomeriggi passati con la nonna a pulire pentole e stoviglie, ancora prima di saper parlare. È chiaro che la cucina sarà una parte importante del suo futuro, così impara tutto quello che può a Mexico City per poi spostarsi negli USA ad appena 12 anni.

Studia alla famosa scuola di cucina Le Cordon Bleu, ad Austin, in Texas, ma non rinuncia a visitare l’Europa e il resto degli Stati Uniti, New York in primis. Negli anni aiuta diversi chef ad aprire diversi ristoranti, e quando Enrique Olvera le parla del Cosme a NYC Daniela Soto-Innes non ci pensa due volte ad accettare. È qui che la sua filosofia di cucina prende effettivamente forma, portandola a vincere il James Beard Rising Star Chef nel 2016 e il World’s Best Female Chef – migliore chef donna del mondo – nel 2019.

Chef Daniela Soto Innes
Foto da Instagram

Il ristorante Cosme

Il Cosme è solo uno dei ristorante a cui Daniela Soto-Innes ha collaborato in fase di apertura, ma questo è rimasto il suo locale per definizione. L’ambiente è molto confortevole e accogliente, pensato per rendere l’esperienza del cibo messicano qualcosa di accessibile anche per chi deve scoprire questa esotica, saporita e complessa gastronomia. Dal giorno dell’apertura si è subito distinto come una sorta di atelier, dove altri chef potevano esplorare la cucina messicana di Enrique Olvera.

Uno degli aspetti più particolari del Cosme è l’atmosfera che si respira in cucina. La chef Daniela Soto-Innes ha voluto immediatamente portare la sua personale filosofia ai fornelli, creando con la brigata un rapporto disteso, inclusivo, aperto ai migranti – come del resto è lei stessa in prima persona. Ogni giorno i ragazzi del Cosme fanno un breve riscaldamento assieme e poi si mettono al lavoro, cucinando con passione anche 10-12 ore non stop.

ristorante Cosme
Foto di Singapore Tatler

I piatti di Daniela Soto-Innes

Uno dei piatti più famosi, messo a punto dalla chef Daniela Soto-Innes e Enrique Olvera, è sicuramente il Corn Husk Meringue, una sorta di meringa farcita con una particolare crema preparata con mais bianco, una varietà dolce.

Piatti di Daniela Soto-Innes
Foto di Araceli Paz

Questo dessert è diventato icona dello stile di cucina del ristorante, chiaramente di ispirazione messicana tradizionale, ma che non rinuncia a farsi contaminare da idee moderne.

granchio
Foto di Four-Magazine
tartare
Foto di Four-Magazine

I piatti al Cosme variano sempre in base alla stagione e agli ingredienti migliori che la cucina si trova a disposizione. Si cucina pesce e crostacei, come il granchio, e si propone carne in forma di tartare, con chiari riferimenti ai sapori messicani.

Matteo Buonanno Seves
Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.