FoodGastronomiaLocali

Cosa ordinare al ristorante in autunno

L’autunno è un ottimo momento per concedersi qualche cena al ristorante, soprattutto se si sa cosa ordinare.

Concedersi una bella cena fuori casa è uno dei piaceri dell’autunno, l’importante è essere preparati su cosa ordinare al ristorante. Con l’arrivo del primo freddo viene naturale guardare a piatti sostanziosi, portate calde e dessert golosi, ma il rischio di esagerare è dietro l’angolo. Ci sono alcuni consigli utili per fare una cena leggera, così da evitare di alzarsi da tavola appesantiti, ecco quali sono.

ordinare ristorante autunno

Non arrivare al ristorante a stomaco vuoto

Potrebbe sembrare un controsenso, ma arrivare al ristorante con troppa fame può essere controproducente. Il rischio è di ordinare più di quanto il nostro stomaco possa reggere, soprattutto se i piatti sono più pesanti di quelli estivi. Il consiglio è di mangiare qualche noce, mandorla o in generale della frutta secca, senza ovviamente esagerare, accompagnata da una spremuta.

Cercare ingredienti di stagione

Una volta seduti al tavolo con davanti il menù cercate di concentrarvi su ingredienti di stagione. L’autunno porta con sé moltissimi prodotti ortofrutticoli eccellenti: oltre la classica frutta si può provare il radicchio, i carciofi o le barbabietole. È anche il momento giusto per potersi gustare l’uva matura, che al ristorante può comparire tra i dessert, tra i piatti da ordinare.

ingredienti di stagione

Zuppe, minestre e vellutate

È possibile che la verdura trovi la sua strada anche negli antipasti, ma è nelle zuppe e nelle minestre – non sono la stessa cosa – che ortaggi e legumi trovano la loro massima espressione in autunno. Ricordatevi di scegliere quelle che sono di stagione, magari proposte sotto forma di vellutate. Questi piatti sono perfetti da ordinare al ristorante anche da un punto di vista nutrizionale, oltre che saziare abbondantemente.

Risotti, brasati e cotture lente

Se l’estate è il periodo ideale per ordinare prodotti freschi e crudi, l’autunno è il momento delle lunghe cotture, con risotti, brasati e spezzatini. Bisogna stare attenti però, perché un’eccessiva quantità di calore può diminuire la qualità nutrizionale di certi alimenti. È interessante scoprire che le verdure di questa stagione tendono a contenere meno acqua e sono normalmente adatte ad essere cucinate a lungo.

risotto brasati cotture lente

Le spezie giuste per scaldarsi

Per finire parliamo delle spezie, soprattuto il piccante, per scaldarsi. Ricordatevi che l’alcol non è utile a questo scopo. Il piccante agisce sul nostro cervello dandoci la sensazione di provare un forte aumento di temperatura, una sensazione che può anche essere piacevole durante le prime serate fredde, occhio però a non esagerare. Ci sono altre spezie calde che, con l’avvicinarsi dell’inverno, diventano più utilizzate nei ristoranti, soprattutto nei dessert, come la cannella.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari riguardo il complicato mondo dell’alimentazione.